In Italia continua la campagna di vaccinazione contro il Covid-19. Al momento risultano distribuite 2.517.090 dosi per un totale di 1.100.867 persone vaccinate, vale a dire che hanno già ricevuto il richiamo. Oltre ai sieri messi a punto da Pfizer-BioNtech e da Moderna, sono arrivate nelle ultime ore anche le prime dosi del vaccino AstraZeneca che verranno somministrate a partire da martedì 9 febbraio agli under55 delle categorie individuate dal piano vaccinale rimodulato, e cioè insegnanti e forze dell'ordine. Intanto, le varie Regioni, chi partendo prima chi dopo, si avviano ad effettuare la vaccinazione degli over 80: comincerà domani il Lazio, che aveva aperto le prenotazioni la scorsa settimana. Ma entro il 15 febbraio dovrebbero cominciare pure Puglia, Umbria, Valle d’Aosta e Friuli Venezia-Giulia. Vediamo nel dettaglio a chi tocca adesso.

Le fasi della campagna vaccinale

Prima di tutto bisogna ricordare che a partire dalla prossima settimana le fasi 2 e 3 del piano vaccinale procederanno insieme attraverso due percorsi paralleli. Sappiamo, infatti, che sono 4 le fasi della campagna: la prima, in via di completamento in tutte le Regioni e Province autonome, comprende operatori sanitari e socio-sanitari, ospiti Rsa e over 80; la seconda le persone da 60 anni in su, persone con fragilità di ogni età, gruppi sociodemografici a rischio più elevato di malattia grave o morte, personale scolastico ad alta priorità; la terza personale scolastico, lavoratori di servizi essenziali e dei setting a rischio, carceri e luoghi di comunità, persone con comorbidità moderata di ogni età; la quarta la popolazione rimanente. I vaccini Pfizer e Moderna verranno utilizzati per i soggetti fragili e più anziani, mentre il vaccino AstraZeneca, arrivato in Italia nelle ultime ore, per i soggetti tra i 18 ed i 55 anni.

A chi tocca la prossima settimana

I prossimi a ricevere la vaccinazione in Italia saranno gli over 80 nelle Regioni dove è tutto pronto per la somministrazione delle prime dosi, e cioè Lazio, Puglia, Umbria, Valle d’Aosta e Friuli Venezia-Giulia, mentre le altre cominceranno tra la prossima settimana e l'inizio di marzo. Questi soggetti riceveranno i vaccini Moderna e Pfizer. Ma contemporaneamente partirà la vaccinazione anche per insegnanti, forze dell'ordine, forze armate, lavoratori nei servizi essenziali, personale e popolazione nelle carceri e quello dei luoghi di comunità esclusivamente under55 a cui andrà il vaccino AstraZeneca, più efficace sui soggetti più giovani. Quest'ultimo è arrivato nelle scorse ore nel nostro Paese e domani dovrebbe essere completata la distribuzione nei 293 centri di somministrazione.