299 CONDIVISIONI

Calci e pugni alla moglie in strada nel paese di Giulia Cecchettin: arrestato grazie a quattro 16enni

Un uomo di 71 anni è stato arrestato a Vigonovo, paese di Giulia Cecchettin, per aver picchiato la moglie in strada. A chiamare i soccorsi sono stati quattro ragazzi di 16 anni: “Abbiamo pensato subito a Giulia. Una settimana fa muore una ragazza per lo stesso motivo e sette giorni dopo vediamo questa cosa, una roba brutta”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
299 CONDIVISIONI
Immagine

Calci e pugni alla moglie in strada a Vigonovo, il comune del Veneziano al centro della cronaca negli ultimi perché paese di residenza di Giulia Cecchettin, la 22enne scomparsa insieme all'ex fidanzato Filippo Turetta e trovata cadavere la scorsa settimana. Un uomo di 71 anni è stato così arrestato, grazie all'intervento di quattro 16enni che hanno allertato le forze dell'ordine.

I fatti si sono svolti sabato 25 novembre. I ragazzi erano seduti ai tavolini del patronato quando si sono accorti di quanto stava accadendo. L'uomo stava dando in escandescenze, insultando e minacciando la moglie, una donna anziana, colpendola poi a calci davanti alla chiesa parrocchiale della Beata Vergine del Perpetuo Soccorso.

I giovani, allora, sono intervenuti riuscendo a fermare l'aggressione. Si sono assicurati che la donna stesse bene, consigliandole poi di non salire in macchina con il marito, ma la donna avrebbe minimizzato la cosa, salendo a bordo della vettura. Il gruppo, a quel punto, ha scattato una foto all'auto e ha chiamato il 112, inviando il numero di targa alla centrale operativa.

"Abbiamo pensato subito a Giulia. Una settimana fa muore una ragazza per lo stesso motivo e sette giorni dopo vediamo questa cosa, una roba brutta", hanno raccontato i ragazzi a Repubblica.

È così scattata la ricerca nella zona da parte delle pattuglie dei carabinieri, che dopo tre ore, hanno rintracciato l'auto, sempre in movimento, parcheggiata davanti alla casa dell'uomo, a Legnaro, a circa 7 chilometri dal luogo del pestaggio. I militari della stazione di Piove di Sacco hanno suonato al citofono dell'abitazione, ma non hanno ricevuto risposta. Il 71enne è stato poi contattato anche al cellulare senza esito. Sul posto sono giunti rinforzi, oltre ai vigili del fuoco. L'uomo è stato ricontattato attraverso una finestra al piano terra dell'abitazione.

Ha urlato agli agenti di andare via senza dare informazioni sullo stato della moglie a cui impediva di rispondere sia al telefono sia al citofono. Solo dopo una lunga trattativa, l'uomo ha lasciato uscire la donna a cui è stato dato immediato soccorso. Dopo altre ore di dialogo e mediazione, intorno alle 3 del mattino è stato convinto a uscire di casa ed è stato arrestato. Trasferito in carcere a Padova, resta a disposizione dell'autorità giudiziaria. Dagli accertamenti che sono seguiti al fermo, è emerso che da circa un anno maltrattava la moglie con minacce e percosse.

299 CONDIVISIONI
Gino Cecchettin alla cerimonia di laurea della figlia Giulia: "Avresti fatto grandi cose, eri un gigante"
Gino Cecchettin alla cerimonia di laurea della figlia Giulia: "Avresti fatto grandi cose, eri un gigante"
Calci e pugni alla moglie che vuole lasciarlo: la blocca in strada, la fa salire in auto e la sequestra
Calci e pugni alla moglie che vuole lasciarlo: la blocca in strada, la fa salire in auto e la sequestra
La proclamazione della laurea alla memoria per Giulia Cecchettin
La proclamazione della laurea alla memoria per Giulia Cecchettin
di MatSpa
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni