Ha lottato come un leone contro un virus che sta facendo tremare tutto il mondo e ha vinto. Dopo una battaglia durata tre mesi, uno dei quali trascorso nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Santissima Trinità di Cagliari, a cavallo tra la vita e la morte, Alessio Picciau ce l'ha fatta. Il 49enne ha sconfitto il Covid-19 e stamattina è tornato a casa sua a Elmas dalla moglie e dai suoi tre figli. L'uomo è stato accolto da parenti ed amici che l'hanno attesa davanti alla sua casa e, appena sceso dall'ambulanza, gli hanno lanciato coriandoli e fatto un lungo applauso: "E' stata una grandissima emozione ritrovare tutti, i miei amici, la famiglia, soprattutto i miei bambini", ha commentato ai microfoni de L'Unione Sarda. "Sono stati tre mesi lunghissimi, inizialmente molto pesanti, ma gli ultimi due un po' più leggeri. In rianimazione è stata molto dura"

Era il 17 marzo quando Alessio Picciau è stato ricoverato perché positivo al coronavirus: le condizioni dell'uomo sono precipitate subito ed è stato necessario ricoverarlo nel reparto di terapia intensiva, dove ha dovuto attraversare momenti molto difficili, durante i quali anche i medici avevano poche speranze. "Ringrazio tutti. Sopratutto medici, infermieri e personale sanitario del Santissima Trinità. Saranno sempre nel mio cuore". Picciau è stato per oltre un mese in rianimazione ed ha superato una serie di complicazioni molto gravi. Poi il lento recupero. Fino ad oggi, tre mesi esatti dopo il ricovero, giorno della grande festa e dell'abbraccio con i suoi cari.