La giovane vittima in una foto da Facebook
in foto: La giovane vittima in una foto da Facebook

Non ce l'ha fatta Antonio Chirulli, il ragazzo di diciassette anni che era rimasto gravemente ferito in seguito a un incidente stradale. Il giovane è morto sabato all'ospedale "Perrino" di Brindisi dopo una settimana di agonia. Il drammatico incidente risale al 16 gennaio scorso: secondo la ricostruzione, Antonio aveva perso il controllo della sua moto 125 mentre percorreva via San Francesco d'Assisi a Francavilla Fontana (Brindisi) in compagnia di un amico. La moto, per cause ancora da accertare, era finita contro un'auto. I due ragazzi erano stati sbalzati sull’asfalto ma per Antonio, che ancora cosciente era arrivato in ospedale, purtroppo non c'è stato nulla da fare.

Donati gli organi di Antonio

I familiari del giovane motociclista hanno dato il suo consenso alla donazione degli organi. "Siamo vicini ai familiari per la perdita di una così giovane vita, un dolore simile è difficile da sopportare. Li ringraziamo infinitamente per aver espresso l’assenso alla donazione in una circostanza drammatica, il loro gesto salverà la vita di altre persone", così il direttore generale Giuseppe Pasqualone, commentando la decisione di donare gli organi del ragazzo. Il coordinatore delle attività di prelievo del Perrino, Massimo Calò, ha espresso riconoscenza alla famiglia per la generosità e la forza dimostrata e ringraziato tutti i professionisti e gli operatori sanitari coinvolti in questa lunga e difficile operazione.

Si procede per omicidio stradale

I funerali del diciassettenne sono stati celebrati questo pomeriggio, lunedì 25 gennaio, nella chiesa dei Sette Dolori di Francavilla Fontana. Intanto la Procura di Brindisi ha aperto un fascicolo per omicidio stradale. Le indagini sono coordinate dal pubblico ministero Alfredo Manca.