584 CONDIVISIONI
11 Giugno 2019
18:28

Bologna, 24enne trascinata in un parco e violentata: fermato 31enne, già denunciato per stupro

La giovane era stata aggredita all’alba del 2 giugno mentre tornava a casa dopo una serata con gli amici. L’aggressore già denunciato dalla ex fidanzata nel 2006, sarebbe già noto alle forze dell’ordine anche per reati di droga e per lesioni.
A cura di Biagio Chiariello
584 CONDIVISIONI

Un 31enne originario del Brasile ma cittadino italiano da quando era bambino (fu adottato da una famiglia del bolognese) è stato fermato dalla Polizia qualche giorno fa con l'accusa di aver stuprato, all'alba del 2 giugno in un parco di via Serlio a Bologna, una studentessa napoletana di 24 anni. Orianderson Venturi (questo il suo nome) sarebbe già noto alle forze dell'ordine anche per reati di droga e per lesioni, nel 2016 era stato denunciato per violenza sessuale dalla fidanzata di allora.

Lo stupro di Bologna

L’aggressione era avvenuta quando la ragazza stava rientrando a casa dopo aver trascorso una serata con gli amici. Pare che la giovane si fosse accorta di essere seguita e aveva telefonato a uno studente saudita in questi giorni a Bologna, per avvertirlo. Purtroppo non è riuscita ad evitare l’aggressione da parte di quell’uomo che aveva incrociato poco prima: il 31enne l’avrebbe costretta con forza a seguirla all’interno di un’area verde sita nei pressi del Dopolavoro ferroviario. Qui lo stupro. Le testimonianze hanno permesso di indirizzare le indagini verso il soggetto di origine brasiliana, e non nordafricana come ipotizzato dalla vittima.

L'individuazione del presunto violentatore e l'arresto

Venturi è stato  rintracciato nei pressi dell'abitazione della convivente attuale, sempre in zona Navile, dove la Polizia ha ritrovato gli abiti e lo zaino che indossava al momento dell’attacco. Proprio l’abbigliamento del presunto violentatore – descritto con cura dalla vittima – ha portato gli  investigatori della squadra mobile alla sua identificazione. Utile alle indagini, svolte anche analizzando i filmati di alcune telecamere, è stato inoltre l'aiuto di due testimoni: il gestore e un dipendente di una pizzeria che si trova all'interno del parco dove il 31enne, che conosceva di vista il cameriere, qualche ora prima si era presentato a chiedere qualche spicciolo e una birra. "Ringraziamo questi testimoni – ha detto il capo della Mobile Luca Armeni – perché non si sono fatti scrupoli dimostrando coraggio e senso civico”.

584 CONDIVISIONI
Femminicidio Reggio Emilia: il killer era stato già condannato per violenze sull'ex compagna
Femminicidio Reggio Emilia: il killer era stato già condannato per violenze sull'ex compagna
Reggio Emilia, giovane donna trovata morta in un parco: fermato l'ex compagno
Reggio Emilia, giovane donna trovata morta in un parco: fermato l'ex compagno
Strage Sassuolo: “Elisa Mulas già maltrattata da un altro ex non aveva denunciato l’assassino”
Strage Sassuolo: “Elisa Mulas già maltrattata da un altro ex non aveva denunciato l’assassino”
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni