15 CONDIVISIONI
Esami di Maturità 2024

Bocciate alla Maturità, il Tar accoglie il ricorso di 2 studentesse di Catanzaro: “Rifaranno l’esame”

Il Tar di Catanzaro ha accolto il ricorso di due studentesse calabresi bocciate all’esame di Maturità “illegittimamente”: i giudici hanno condannato il Ministero dell’Istruzione e del Merito a rivalutarle tramite lo svolgimento di una nuova prova.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
15 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Esami di Maturità 2024

Sono state bocciate alla Maturità, così hanno fatto ricorso al Tar che non solo ha accolto la loro istanza ma ha anche affermato che il loro esame è da rifare, almeno in parte. Succede in Calabria, precisamente a due ragazze iscritte lo scorso anno all'Istituto tecnico economico "Grimaldi Pacioli" di Catanzaro.

Le due sarebbero state "illegittimamente bocciate" lo scorso giugno quando insieme alla loro classe hanno sostenuto l'esame di Stato. Lo ha deciso il Tribunale amministrativo regionale di Catanzaro accogliendo un ricorso presentato dai difensori delle studentesse, gli avvocati Giancarlo Pitaro e Giuseppe Risadelli.

Le ordinanze emesse dai giudici amministrativi del capoluogo calabrese, in accoglimento delle tesi difensive dei difensori, hanno dichiarato illegittima la prova di Maturità sostenuta dalle due studentesse, condannando il Ministero dell'Istruzione e del Merito a rivalutarle tramite lo svolgimento di una nuova prova "a partire – è scritto nell'ordinanza – dalla correzione dei temi svolti, attraverso il nuovo svolgimento della prova orale e la valutazione complessiva della candidata".

"I giudici hanno motivato la loro decisione rilevando che dalle copie dei verbali di esame prodotti dall'Amministrazione non è stato possibile verificare che detti verbali siano stati sottoscritti, in modalità analogica o digitale e che la mancanza di sottoscrizione, impedendo di conoscere la paternità del documento, ne inficia la funzione probatoria" per cui "non è possibile verificare la legittimità dell'operato amministrativo, oggetto di contestazione giudiziaria", è stato il commento dei legali Pitaro e Risadelli in una nota.

15 CONDIVISIONI
330 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views