1.092 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News su migranti e sbarchi in Italia

Bimbi senza più genitori e padri senza più figli, il dramma dei superstiti del naufragio di Crotone

Si tratta di persone e bimbi sotto shock, devastati da un orrore che si è consumato sotto i loro occhi e a cui il team di primo soccorso psicologico di Medici Senza Frontiere sta cercando di dare assistenza.
A cura di Antonio Palma
1.092 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Bimbi e ragazzini che hanno visto l'interra famiglia sparire tra le onde e sono rimasti senza più genitori, padri che hanno visto morire i loro bimbi senza potere fare nulla per loro e giovani che hanno assistito impotenti alla tragedia, perdendo fratelli e madri, è il dramma dei superstiti del devastante naufragio di Crotone in cui hanno perso la vita almeno 59 persone dopo che l'imbarcazione su cui viaggiavano si è schiantata sugli scogli a poche centinaia di metri dalla riva, tra le onde grosse del mare agitato.

Immagine

Si tratta di persone sotto shock, devastate da un orrore che si è consumato sotto i loro occhi e a cui il team di primo soccorso psicologico di Medici Senza Frontiere sta cercando di dare assistenza. "Purtroppo è stata una giornata intensa e carica di emozioni in cui abbiamo cercato di dare supporto ai sopravvissuti con il nostro team di psicologi e mediatori" ha spiegato Sergio di Dato, capo progetto di MSF, raccontando alcune delle terribili storie dei superstiti e la prima giornata di intervento nel Cara di Crotone dove ci sono adesso circa 60 sopravvissuti, quasi tutti afgani, a cui si devono aggiungere 22 persone in ospedale, tra cui 6 bambini.

Immagine

Tra di loro tra i casi più difficili quello di una signora afgana che ha perso il marito e appare estremamente provata, ma anche quello di un ragazzo afgano di 16 anni che ha perso la sorella di 28 anni dopo essere arrivato con lei a nuoto sulla spiaggia e aver pensato di avercela fatta. "Quando abbiamo attivato il nostro family link per far avvisare la famiglia del ragazzo dell'evento, purtroppo il ragazzo non ha avuto il coraggio di avvisare i genitori" ha rivelato il capo progetto di MSF spiegando che il team della Ong nei prossimi giorni seguirà il caso per fare arrivare il messaggio del giovane ai genitori.

Immagine

Tanti sono però i casi di famiglie completamente distrutte dal naufragio e bimbi rimasti orfani. C'è un signore afgano di 43 anni che si è salvato col figlio più grande di 14 anni ma nel disastro ha perso gli altri tre figli di 13, 9 e 5 anni e la moglie. Un bambino afgano di 12 anni invece ha perso tutta la famiglia di 9 persone che erano partite con lui nella speranza di una vita migliore in Europa, tra cui 4 fratelli e i genitori. Altri due fratelli afgani, di cui uno minore, hanno perso i genitori ed hanno un fratello ricoverato, un minore di 17 anni ricoverato ha perso i genitori mentre 3 fratelli afgani in ospedale hanno perso madre, padre e 2 sorelle.

Immagine

Secondo la ricostruzione dei volontari di medici senza frontiere, i migranti "sono caduti in acqua a 150 metri dalla riva" quando, probabilmente, "l'imbarcazione ha colpito uno scoglio" sommerso. "Non ci sono" infatti "casi di ustione tra i sopravvissuti, il che escluderebbe un'esplosione".  Il naufragio di Crotone “è un pugno sullo stomaco, non ci sono altre parole: nel Mediterraneo si continua a morire in modo incessante in un desolante vuoto di capacità di soccorso. A poche decine di chilometri dalle coste italiane, quando la meta era davanti agli occhi, è annegato il futuro di decine di persone che cercavano una vita più sicura in Europa. È umanamente inaccettabile e incomprensibile perché siamo sempre qui ad assistere a tragedie evitabili” ha dichiarato Sergio Di Dato.

1.092 CONDIVISIONI
866 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views