8.382 CONDIVISIONI
28 Ottobre 2022
19:50

Arrestato per il furto di un paio di cuffie, giovane detenuto si impicca in carcere a Torino

Un giovane detenuto di origine africana questa mattina si è impiccato nella sua cella del padiglione B, nella sezione “nuovi giunti” del carcere di Torino. Era stato arrestato per il furto di due cuffiette bluetooth.
A cura di Davide Falcioni
8.382 CONDIVISIONI

Ennesimo suicidio in carcere: un giovane detenuto di origine africana questa mattina è stato trovato senza vita nella sua cella del padiglione B, nella sezione “nuovi giunti” del carcere di Torino. Il ragazzo era arrivato nel penitenziario da appena due giorni. Alle 8 è stato trovato impiccato.

Mercoledì il detenuto era stato arrestato per il furto di un paio di cuffie bluetooth. Ieri si era tenuta l’udienza di convalida e il giudice si era riservato la decisione se tenerlo in carcere o liberarlo. Ma il ragazzo non ha atteso la delibera del tribunale e si è tolto la vita subito dopo il passaggio degli operatori per la terapia dei compagni di cella, che avviene alle 7.30.

A lanciare l'allarme sono stati gli agenti della polizia penitenziaria, che hanno provato a lungo a rianimarlo. Tra i poliziotti c’era anche un volontario della Croce rossa, che ha eseguito le opportune manovre dovendosi ben presto arrendere, quando è stato chiaro che non c'era ormai più nulla da fare. "Sono sconfortata – ha commentato la direttrice del carcere Lorusso e Cutugno, Cosima Buccoliero – Il detenuto era appena arrivato, la visita all’ingresso non aveva rilevato criticità: non c’è stato neanche il tempo di accorgersi di qualche problema e di intervenire".

Suicidi in carcere, Antigone: "Nel 2022 preoccupante accelerazione"

Quello di questa mattina è stato il 72esimo suicidio in carcere del 2022. Nell'ultimo dossier dell'Associazione Antigone si fa notare che "il fenomeno ha mostrato segni di preoccupante accelerazione, fino a raggiungere l’impressionante cifra di 16 suicidi nel solo mese di agosto, uno ogni due giorni. I numeri di quest’anno generano un vero e proprio allarme, non avendo precedenti negli ultimi anni. Non è facile trovare delle spiegazioni. Non è neanche facile trovare delle soluzioni. Di questo ne siamo consapevoli. Sappiamo anche che la vita carceraria è dura, genera sofferenza, esprime solitudini, produce desocializzazione e malattie. Va fatto tutto il possibile per modernizzarla, renderla più a misura di donna o uomo, per ridurre la distanza tra il dentro e il
fuori".

8.382 CONDIVISIONI
Detenuto si impicca in carcere a Torino con un lenzuolo: era accusato di stalking dalla ex compagna
Detenuto si impicca in carcere a Torino con un lenzuolo: era accusato di stalking dalla ex compagna
Detenuto pestato e torturato in carcere a Reggio Calabria, indagati 8 agenti: in 6 sono ai domiciliari
Detenuto pestato e torturato in carcere a Reggio Calabria, indagati 8 agenti: in 6 sono ai domiciliari
Al Carcere di Ivrea la “cella liscia” dove venivano picchiati i detenuti: 45 indagati per torture
Al Carcere di Ivrea la “cella liscia” dove venivano picchiati i detenuti: 45 indagati per torture
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni