Un ragazzino di soli 16 anni morto e altri due giovani feriti tra cui uno in gravi condizioni. È  il tragico bilancio di un terribile incidente stradale avvenuto nella serata di martedì lungo le strade della Toscana, in provincia di Arezzo. Il dramma si è consumato nella serata di martedì, intorno alle 22,  in località Memmenano, nel territorio del comune di Poppi. La vittima è il 16enne Nunzio Gallo che viaggiava a bordo di uno scooter con un amico e coetaneo lungo la strada regionale 70 della Consuma. Per motivi ancora tutti da accertare, il mezzo a due ruote si è scontrato frontalmente con un'auto che viaggiava nel senso opposto di marcia. Un impatto violentissimo che ha distrutto anche la stessa vettura e che non ha lasciato scampo all'adolescente. Nonostante i successivi soccorsi medici dl 118, infatti, per Nunzio non c'è stato nulla da fare. Il giovane avrebbe compito 17 anni ad agosto.

Soccorso e trasporto d'urgenza in ospedale invece l'amico 17enne che viaggiava con lui in scooter. Vista la gravità delle sue condizioni, sul posto è stato fatto intervenire anche l'elisoccorso Pegaso che ha provveduto al trasferimento del paziente direttamente all'ospedale Careggi di Firenze dove il minore è ora ricoverato in gravi condizioni. Avrebbe riportato varie fratture e traumi ma non sarebbe in pericolo di vita. Feriti ma in maniera non grave anche i due ragazzi che erano a bordo della vettura coinvolta. I due ventenni sono stati condotti al pronto soccorso del Casentino, uno in codice verde e l'altro in codice giallo per un trauma alla testa.

Sul luogo dell'accaduto sono accorsi anche i vigili del fuoco del distaccamento di Bibbiena e i carabinieri della locale compagnia che indagano sull'accaduto e hanno effettuato i rilievi del caso. Per consentire i soccorsi e la successiva rimozione dei mezzi coinvolti la strada è rimasta a lungo chiusa al traffico. Dolore e incredulità nella comunità locale alla notizia del tragico incidente stradale. Tutti i coinvolti infatti sono giovani che abitano nei vari centri della zona.