Mancano 24 ore alla sentenza di Cassazione per l'omicidio del piccolo Lorys Stival, ucciso nel 2014 a Santa Croce Camerina. Mentre Veronica Panarello attende di conoscere il suo destino, abbiamo chiesto a Francesco Biazzo, l'avvocato di Andrea Stival, come sta vivendo queste ore il nonno di Lorys.

Come sta Andrea Stival?

"È sereno, e non si aspetta alcun colpo di scena come del resto neanche io. Come legale ritengo che ci siano dei profili di inammissibilità al ricorso presentato dalla difesa di Veronica. È vero, non c'è la pistola fumante in questo  caso, manca la prova regina, se così vogliamo dire, ma non è certo un processo indiziario. Ci sono diversi elementi che concordano sulla colpevolezza di Veronica Panarello".

Uno dei punti del ricorso è proprio la richiesta di confronto tra Veronica e il suo assistito, cosa ne pensa?

"Il confronto all'americana? Mah, direi inutile in questo caso. Esiste una verità dimostrata dalle indagini, ovvero che Andrea Stival è estraneo alla vicenda e non c'è bisogno che si confronti faccia a faccia con la sua accusatrice. Non sono Riina e Provenzano".

I rapporti tra Andrea e Davide sono tornati sereni?

"Stival non ha mai litigato con suo figlio Davide a causa delle accuse di Veronica, se si sono allontanati in un determinato momento è stato per altri motivi. Non sta a me dire se vadano d'accorso, non posso saperlo, ma so una cosa: non hanno mai litigato per le accuse di Veronica".

Sono stati anni duri per Andrea Stival

"Stival vive ancora a Santa Croce Camerina e porta il peso schiacciante delle accuse di Veronica. Se in paese la situazione si è normalizzata, sui social network c'è chi continua a insultarlo e a minacciarlo. Abbiamo fatto le nostre querele, ma questo clima certo non favorisce la serenità di una persona già fortemente traumatizzata da quanto è successo".

E per lui si affacciano altri due processi, come vittima

"Rappresento Stival anche nei due processi per calunnia e minacce di cui è vittima da Veronica, ma ancora una volta, qui non si tratta di avere un risarcimento, ma solo di ristabilire moralmente la posizione del mio assistito che non è mai stato coinvolto in alcun modo con Veronica. Il mio cliente spera di potere, dopo questa sentenza, buttarsi tutto alle spalle".

Sarà presente all'udienza di giovedì?

"Il mio cliente non sarà presente all'udienza di Cassazione".