290 CONDIVISIONI
L'omicidio Meredith Kercher

Amanda Knox, processo da rifare per l’accusa di calunnia: la decisione della Cassazione

La quinta sezione della corte di Cassazione ha accolto in parte il ricorso con il quale Amanda Knox aveva chiesto di poter essere assolta anche dall’accusa di calunnia nei confronti di Patrick Lumumba. Ora nuovo processo a Firenze.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Antonio Palma
290 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio Meredith Kercher

È da rifare il processo ad Amanda Knox per l’accusa di calunnia nei confronti di Patrick Lumumba. La corte di Cassazione infatti ha accolto in parte il ricorso con il quale Amanda aveva chiesto di poter essere assolta anche dall’accusa minore per cui era imputata nel processo per l'omicidio di Meredith Kercher.

Per la terribile vicenda della sua ex coinquilina a Perugia, dopo un lungo processo, Amanda fu definitivamente riconosciuta estranea all'omicidio ma fu condannata in via definitiva per l’accusa di calunnia nei confronti dell’uomo che aveva accusato nel corso delle indagini. Il Tribunale la condannò a tre anni di reclusione, ordinandone però la scarcerazione in quanto già scontati in custodia cautelare.

Un’accusa che però la donna statunitense, ex studentessa universitaria in Italia ai tempi dei fatti, ha sempre rigettato. Per questo Amanda Knox recentemente ha deciso di impugnare quella sentenza, chiedendo l'assoluzione alla luce della decisione a lei favorevole della Corte europea dei diritti dell'uomo, che aveva riconosciuto la violazione del diritto di difesa di Knox, e di un nuovo articolo introdotto nel codice di procedura penale con la riforma Cartabia.

In particolare gli avvocati di Amanda sostengono che le dichiarazioni della donna, che hanno poi portato alla contestazione della calunnia, furono rese senza l'assistenza di un difensore e con la mancanza di un traduttore. A loro dire, Amanda dunque non voleva accusare Patrick Lumumba ma sarebbe stata male interpretata.

La procura generale presso la Cassazione si era opposta alla richiesta, sostenendo che la giurisprudenza italiana abbia più valore della decisione presa in sede europea. Stessa richiesta avanzata anche dai legali di Lumumba, che finì in carcere per 14 giorni prima che venisse accertata la sua estraneità ai fatti e che ora si è costituto nel procedimento.

Ora la quinta sezione della corte di Cassazione, che si è riunita in camera di consiglio in forma "non partecipata" e cioè senza la presenza di legali, ha accolto in parte la richiesta di Amanda Knox e ha ordinato un nuovo processo relativo solo a quell’accusa. Il nuovo procedimento si aprirà davanti ai giudici del Tribunale di Firenze.

290 CONDIVISIONI
215 contenuti su questa storia
Rudy Guede accusato dalla ex fidanzata di violenza sessuale: disposta la sorveglianza speciale
Rudy Guede accusato dalla ex fidanzata di violenza sessuale: disposta la sorveglianza speciale
Amanda Knox contro Rudy Guede: "Da 16 anni combatto per riabilitare il mio nome mentre lui è libero"
Amanda Knox contro Rudy Guede: "Da 16 anni combatto per riabilitare il mio nome mentre lui è libero"
Meredith Kercher, Rudy Guede racconta il carcere: "Ero un condannato impossibile, fu errore giudiziario"
Meredith Kercher, Rudy Guede racconta il carcere: "Ero un condannato impossibile, fu errore giudiziario"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni