200 CONDIVISIONI
5 Luglio 2021
09:34

Alpiniste morte sul monte Rosa, Martina e Paola e quella passione per la montagna che le univa

Avevano 29 e 28 anni Martina e Paola, le due alpiniste morte sul Monte Rosa dopo essere rimaste bloccate a causa di una tormenta a oltre 4.000 metri. Unite dalla passione per la montagna e i viaggi, le due amiche hanno raggiunto la vetta sabato pomeriggio: con loro un terzo scalatore che è stato soccorso ancora in vita ed è ora fuori pericolo.
A cura di Chiara Ammendola
200 CONDIVISIONI

I loro profili social sono pieni di scatti che le ritraggono in montagna, davanti a panorami mozzafiato, con lo sguardo innamorato di chi si trova proprio dove vorrebbe essere. Ed è su una di quelle montagne che Martina Svilpo e Paola Viscardi hanno trovato la morte sabato pomeriggio dopo aver scalato il Monte Rosa ed essere rimaste bloccate da una tormenta. Impossibilitate a proseguire o a tornare a valle, le due amiche, di rispettivamente 29 e 28 anni, entrambe piemontesi, sono morte assiderate a 4.150 metri di quota sotto la Pyramide Vincent.

Con loro anche un terzo scalatore che è sopravvissuto e ha raccontato quei momenti trascorsi con le due giovani alpiniste, in attesa dell'arrivo dei soccorritori: "In cinque minuti il meteo è cambiato e la bufera ci ha bloccati in quota – le uniche parole che Valerio Zolla, 27 anni, ha raccontato in un'intervista con La Stampa – come sto? Vi lascio immaginare… Ricordo il freddo, tanto freddo, mi sono tolto i guanti per darli a una delle due ragazze. Ho fatto il possibile per aiutare i soccorritori", ha detto. Il giovane scalatore è ricoverato all’ospedale di Zermatt, nonostante il parziale congelamento delle mani e di altre parti del corpo non è in pericolo di vita.

Mentre è tanto lo sgomento di amici e parenti di Martina e Silvia che hanno affidato anche ai social i messaggi per salutare quelle due ragazze che amavano viaggiare e che non temevano le sfide. "Quando la natura decide di alzare il sipario solo per te, unico spettatore, puoi solo piangere dall’emozione", scriveva Martina alla fine di maggio 30 maggio in un post condiviso sul proprio profilo Facebook, dinanzi a le l'Alpe Devero, in provincia di Verbania. Sono tante le foto in cui Martina è accompagnata proprio dall'amica Paola, originaria di Trontano, non distante da Domodossola, e che da circa un anno viveva a Bellinzona, in Svizzera, dove lavorava come insegnante. Una tragedia che ha lasciato tutti sgomenti e che nessuno avrebbe potuto presagire. Quando sabato pomeriggio è giunta la chiamata al 112 i soccorsi si sono attivati immediatamente ma a causa del maltempo l'elicottero non ha potuto alzarsi in volo e per questo è stato necessario l'intervento del Soccorso alpino valdostano che hanno raggiunto a piedi la vetta: purtroppo però per le due non c'è stato nulla da fare.

200 CONDIVISIONI
Alpinista si cala dalla cima del Monte Cridola ma le funi si spezzano: morto Giovanni Anziutti
Alpinista si cala dalla cima del Monte Cridola ma le funi si spezzano: morto Giovanni Anziutti
Martina Rossi, domani la sentenza definitiva. Il padre: "La giustizia è un privilegio per benestanti"
Martina Rossi, domani la sentenza definitiva. Il padre: "La giustizia è un privilegio per benestanti"
La lezione di Martina Luoni, la "leonessa" che raccontava la lotta al cancro ai tempi della pandemia
La lezione di Martina Luoni, la "leonessa" che raccontava la lotta al cancro ai tempi della pandemia
106 di Cose Vere
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni