Non bastava l'emergenza Covid , a Ortona da settimane è allarme per la legionella che ha già colpito diversi abitanti della cittadina abruzzese tre dei quali, già malati, sono poi deceduti. L’ultima vittima venerdì scorso quando un 76enne è deceduto all’ospedale di Pescara dopo il ricovero dei giorni scorsi, ma il primo caso risale a metà settembre. Dopo varie segnalazioni all'inizio di ottobre è stato confermato che non si trattava di episodi isolati ma vi era un mini focolaio che finora ha contagiato una decina di persone. Così è scattato l'allarme che ha interessato non solo le autorità del Comune ma anche quelle di Regione e Ministero della salute. Il primo decesso risale al 13 ottobre con la morte di un  una donna di 61 anni già gravemente malata, poi è arrivato il decesso di un 77enne.

L'infezione riguarda alcune contrade specifiche

Sono partite così le analisi sia da parte dell'Asl incaricata dalla Regione sia da parte degli esperti dell'Istituto Superiore di Sanità incaricati dal Ministero. Campionatura e analisi hanno riguardato acqua e aria con principale imputata la prima ma, dai primi risultati, sulle condotte idriche sarebbe stata esclusa la contaminazione. A complicare le cose il fatto che l'infezione non riguarda l'intera città man alcune contrade specifiche.

Comune Ortona: Rete idrica non è causa di trasmissione della legionella

In attesa della relazione finale della Asl e dell'Istituto Superiore di Sanità, lo stesso comune di Ortona ha comunicato l'esito delle analisi effettuate Società Abruzzese per il Servizio Idrico integrato che hanno escluso l'infezione. "La Sasi ci ha comunicato l'esito delle ulteriori analisi, commissionate proprio in seguito alle diagnosi di Legionella sul nostro territorio. In particolare dopo aver già comunicato all'ISS che le analisi sulla sorgente e su diversi punti di campionamento erano nella norma, anche i risultati sul serbatoio della Gagliarda che fornisce l'acqua al 90% del territorio comunale sono negativi alla Legionella" spiegano dall'amministrazione comunale.

Problema su una torre di raffreddamento di un'azienda

Il problema dunque non sarebbe nella rete idrica ma in alcune torri di raffreddamento di un’azienda della zona. "Si ribadisce che la rete idrica è stata esclusa come possibile causa di trasmissione del batterio. Gli esperti dell'ISS si sono infatti concentrati sulle analisi delle torri di raffreddamento come possibile causa" sottolineano infatti dal comune. In particolare l’Arta, che aveva campionato le abitazioni private, non ha riscontrato tracce di legionella mente gli esperti dell’istituto superiore di sanità, che hanno campionato alcuni stabilimenti in zona, hanno riscontrato tracce di legionella in una torre di raffreddamento di un’azienda.