Il vaccino AstraZeneca
in foto: Il vaccino AstraZeneca

Gli over 55 in buona salute potranno avere il vaccino di AstraZeneca. Lo precisa in un parere la Commissione tecnica scientifica dell'Aifa. "In attesa di acquisire ulteriori dati, anche dagli studi attualmente in corso, al momento per il vaccino AstraZeneca si suggerisce un utilizzo preferenziale nelle popolazioni per le quali sono disponibili evidenze maggiormente solide, e cioè soggetti giovani tra i 18 e 55 anni. Si ribadisce tuttavia che, sulla base dei risultati di immunogenicità e dei dati di sicurezza, il rapporto beneficio/rischio di tale vaccino risulta favorevole" anche nei soggetti più anziani senza fattori di rischio, è quanto fa sapere il Cts dell'Agenzia Italiana del farmaco in un parere pubblicato sul sito riguardo i consigli medici per la somministrazione del siero anti-Covid prodotto da AstraZeneca. La campagna vaccinale potrà muoversi ora in contemporanea su due linee. Da una parte quella per gli anziani e per coloro che rischiano di sviluppare una forma di malattia pesante, che saranno vaccinati con Pfizer-Biontech e Moderna, dall’altra coloro che non hanno fattori di rischio e svolgono attività sensibili che avranno il farmaco di AstraZeneca.

Aifa aveva raccomandato l'uso del vaccino AstraZeneca tra i 18 e i 55 anni – Quando l'Aifa ha dato il via libera al vaccino AstraZeneca, dopo l'approvazione arrivata dall'Ema, ne aveva raccomandato l'uso fra i 18 e i 55 anni confermando di fatto i dubbi sull'efficacia del siero anti-Covid per i soggetti più anziani, vista la scarsità di pazienti di quelle fasce di età arruolati negli studi clinici. Aspetto sottolineato anche dall'Ema, che tuttavia aveva autorizzato il vaccino nell'Unione Europea per tutti i soggetti con più 18 anni. La ​Germania, invece, ha detto no ad AstraZeneca per gli over 65: l'organismo tedesco che ha raccomandato di non vaccinare chi ha più di 65 anni con la formula di AstraZeneca ha tenuto a ribadire che la scelta non è dettata dal sospetto di una cattiva qualità ma dal fatto che non ci sono ancora sufficienti informazioni sull'efficacia in questo gruppo di età.