409 CONDIVISIONI
27 Aprile 2022
09:16

Ahmed Joudier morto nel fiume: aperta un’inchiesta per istigazione al suicidio

Ci sono ancora tanti aspetti da chiarire sulla tragedia del 15enne rinvenuto cadavere nei pressi del Brenta. L’autopsia stabilirà le cause del decesso.
A cura di Biagio Chiariello
409 CONDIVISIONI

Il pm Andrea Girlando ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio per la morte di Ahmed Joudier, il 15enne di origine marocchina scomparso da Padova lo scorso giovedì in circostanze poco chiare e ritrovato senza vita sul fiume Brenta, poco dopo le 10 di ieri martedì 26 aprile. Gli investigatori vogliono capire se qualcuno possa aver spinto il ragazzino al gesto estremo e per fare questo hanno bisogno di eseguire una serie di accertamenti, in primis nel cellulare del ragazzo, ma poi anche sui social network e tra i suoi amici. Le ultime sue notizie erano contenute in un audio alla fidanzata in cui parlava di problemi in sospeso: "Tornerò morto, o mi faranno molto male".

In un primo momento era stato aperto un fascicolo per sequestro di persona, ora il cambio consentirà alla magistratura di poter effettuare l’autopsia sul corpo del ragazzo probabilmente già domani o venerdì. Il dottor Andrea Porzionato, che ha effettuato un primo esame esterno sul corpo del 15enne la mattina del ritrovamento sul fiume – peraltro nello stesso punto dove, a distanza di pochi mesi, si era tolto la vita il 18enne Henry Amadosun, nel settembre 2021 – non ha trovato segni di colluttazione o violenza. Si attende comunque l'esito dell’autopsia per chiarire le cause della morte. Tra le piste che gli inquirenti seguiranno c’è quella del bullismo: "Mio figlio era un ragazzo tranquillo, andava bene a scuola, non aveva nessun problema. Non avrebbe mai avuto il coraggio di uccidersi", ha detto Latifa, la mamma di Ahmed.

A scuola Ahmed era considerato un alunno che studiava con profitto, all'istituto tecnico ‘Bernardì di Padova, apprezzato dai suoi docenti anche per il carattere. Eppure secondo i compagni di classe, che l'avevano eletto rappresentante, da qualche tempo non era sereno. C'è chi ipotizza avesse contratto un debito di qualche tipo, ma al momento sono solo illazioni.

409 CONDIVISIONI
È morto Mario, aveva ottenuto il via libera per il suicidio medicalmente assistito
È morto Mario, aveva ottenuto il via libera per il suicidio medicalmente assistito
Morto Fabio Ridolfi, era immobilizzato da 18 anni
Morto Fabio Ridolfi, era immobilizzato da 18 anni
“Legati in vita e in morte”, l'addio al papà suicida e al figlio di 18 mesi dimenticato in auto
“Legati in vita e in morte”, l'addio al papà suicida e al figlio di 18 mesi dimenticato in auto
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni