0 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Accoltellato al parco davanti ai bambini che giocavano: 18enne ricoverato in gravi condizioni

Un ragazzo di 18 anni è stato accoltellato da due persone in un parco pubblico di Mestre. Secondo quanto reso noto, il giovane è ora ricoverato in ospedale in gravissime condizioni. Il tutto sarebbe avvenuto davanti ai bambini che giocavano.
A cura di Gabriella Mazzeo
0 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un ragazzo di 18 anni sta lottando tra la vita e la morte  in ospedale dopo essere stato accoltellato a Mestre nella serata del 21 febbraio. Il giovane stava camminando al parco Hayez in zona Cipressina a Mestre quando è stato accerchiato da alcuni ragazzi che gli avrebbero chiesto insistentemente del denaro. Davanti al rifiuto del giovane, i due hanno estratto un coltello per poi colpirlo al centro dello sterno.

Il fatto è accaduto introno alle 18 del 21 febbraio. Ad allertare i vigili urbani l'attimo prima che l'adolescente venisse accoltellato, un passante che aveva segnalato l'accesa discussione tra i tre. Pochi istanti dopo la prima telefonata, il giovane è stato ferito dai suoi aggressori, poi fuggiti via. Secondo i testimoni sentiti anche dalle forze dell'ordine dopo il fatto, l'accoltellamento sarebbe avvenuto alla presenza di alcuni bambini che stavano giocando nel campo da basket poco lontano, all'interno dello stesso parco pubblico.

Il 18enne è stato rapidamente soccorso dai sanitari accorsi sul posto, ma gli sforzi non sono purtroppo bastati: dopo aver perso molto sangue per le ferite riportate, infatti, è stato disposto il suo ricovero in ospedale in gravissime condizioni

L'identità dei due aggressori non è per ora nota. Secondo quanto rilevato, la coppia sarebbe fuggita a bordo di una Opel Astra subito dopo aver inflitto il fendente al 18enne. Sconosciuta anche la dinamica dei fatti, che secondo i passanti si sarebbero verificati in seguito alla pressante richiesta di denaro dei due al 18enne. Non è chiaro se i giovani si conoscessero.

A dare la caccia ai due aggressori è ora  la Squadra mobile della polizia, che ha a disposizione le immagini di alcune telecamere del circuito di videosorveglianza del Comune, posizionate nei dintorni del parco Hayez, e le testimonianze dei presenti.

0 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views