All’apparenza sembrava un padre premuroso che si prendeva cura di lei ma, quando l’uomo rimaneva da solo a casa, davanti alla bambina di soli 4 anni si sarebbe trasformato in un mostro che abusava di lei. La terribile storia di abusi sessuali su minore arriva dalla Puglia dove nelle scorse ore i poliziotti della Squadra mobile di Bari hanno arrestato un uomo con la pesantissima accusa di violenza sessuale aggravata nei confronti della figlia minorenne.

L’uomo è destinatario di un ordine di custodia cautelare ai domiciliari firmato dal Gip del tribunale del capoluogo pugliese su richiesta della locale Procura della Repubblica. Secondo l’accusa, le violenze dell’uomo sulla figlioletta sarebbero iniziate quando la piccola aveva quattro anni e sarebbero poi andate avanti per mesi. L'attività investigativa della polizia barese era partita dalla denuncia della ex moglie dell’uomo che ha raccolto alcune parole della piccola che le hanno fatto scattare il campanello di allarme.

Gli accertamenti investigativi sono stati affidati agli esperti uomini della sezione Reati contro la persona in danno di minori e reati sessuali della Questura di Bari. Secondo quanto emerso dalle loro indagini, che si sono avvalse anche dell'ausilio di un psicologo, l'uomo avrebbe commesso gli abusi sulla figlia quando la minore veniva affidata a lui. Il padre, ospitato da parenti, avrebbe approfittando della loro assenza per mettere in atto le violenze. Ricostruzione che al momento avrebbe trovato conferme anche nel racconto della piccola vittima, sentita dagli inquirenti attraverso l'ascolto protetto. Elementi che hanno spinto il giudice a disporre per l’uomo gli arresti domiciliari.