A 21 anni fa il rider. Samuele Bergantin consegnava pizze a domicilio in provincia di Rovigo con un solo scopo: pagarsi gli studi in Antropologia e civiltà orientali all'Università di Bologna. La sera del 14 gennaio scorso, mentre percorreva una strada di campagna di ritorno da una consegna, è finito fuori strada con l'auto che usava per le consegne. L'umidità aveva reso l'asfalto scivoloso e l'incidente lo ha ferito gravemente. Ora rischia di restare paralizzato con una lesione al midollo spinale. Una storia tragica che ha suscitato la volontà nei suoi amici di dargli una mano: tutto parte da una raccolta fondi su GoFundMe per raccogliere 50mila euro. Il denaro servirà a permettergli una delicata operazione chirurgica che potrebbe cambiare il suo destino. Dal momento del lancio, sono stati raccolti 38mila euro, così come raccontano gli amici che online si battono per lui.

Nel frattempo il 21enne è costretto a letto: non può muovere gli arti superiori e non ha sensibilità a quelli inferiori. La speranza è proprio l'operazione in quella struttura privata che potrà fargli riacquistare, se tutto andasse bene, l'uso delle gambe. Un aiuto, spiegano, che potrebbe fare la differenza. Ad aver organizzato la campagna social gli amici Leonardo, Nicola, Steven, Giulio, Simone, Lorenzo, Samantha, Micol Fabio, Martina, Elena e Brando. Per loro, Samuele è un punto di riferimento. Un amico solare e altruista, oltre che un ragazzo che si è sempre impegnato per realizzare in autonomia i propri sogni. Un progetto, questo, che ha visto l'apertura anche di una pagina Facebook "Aiutiamo Samuele a camminare ancora", per far conoscere la storia del rider. "Vogliamo solo aiutarlo, restituirgli quello che lui ha dato a noi – spiegano gli amici – e anche un piccolo aiuto in questo momento può fare la differenza".

Samuele è un gran lavoratore, oltre che un 21enne innamorato dei suoi studi. Accanto ai suoi sogni, la vita di un normale ragazzo poco più che maggiorenne: gli amici, la famiglia, gli hobby di tutti i ragazzi della sua età. La volontà, con l'appoggio anche dei familiari, è quella di restituirlo alla quotidianità di un giovane che per poter realizzare i propri sogni si è rimboccato le maniche e ha deciso di consegnare pizze a domicilio.