Nella giornata del 4 aprile gli iscritti alla piattaforma Rousseau sono chiamati a votare per il secondo turno delle “europarlamentarie”, al fine di individuare i candidati del Movimento 5 Stelle alle Elezioni Europee del 26 maggio. Una specie di ballottaggio cui hanno avuto accesso i dieci candidati di ogni Regione che hanno ottenuto più preferenze al primo turno. O meglio, avrebbero dovuto trovare posto. Perché, come si sono accorti molti attivisti, c’è discrepanza tra l’elenco dei primi dieci classificati comunicato subito dopo il primo turno e quello degli ammessi al secondo turno. In poche parole, il Movimento 5 Stelle ha escluso alcuni candidati “scelti dagli iscritti” e li ha sostituiti con altri.

Particolarmente interessante è il caso Campania. L’elenco comunicato inizialmente degli ammessi al secondo turno era: Isabella Adinolfi, Mario Aliberti, Vito Avallone, Giacinto De Taranto, Enrico Farina, Francesco Mennella, Luigi Napolitano, Aniello Nazaria, Michela Rescigno, Daniela Rocco. Al voto del 4 aprile, invece, gli iscritti alla piattaforma Rousseau troveranno un altro elenco: Adinolfi Isabella, Peluso Mariano, Rescigno Michela, Nazaria Aniello, Napolitano Luigi, Farina Enrico, Di Matteo Antimina, Della Valle Danilo, Avallone Vito.

Daniela Rocco, Giacinto De Taranto, Mario Aliberti e Francesco Mennella sono stati esclusi “dall’alto” e immediatamente cancellati anche dal sito ufficiale in cui erano elencati i vincitori del primo turno. La cosa non è passata inosservata e molti attivisti stanno esprimendo perplessità, anche in considerazione del fatto che non vi è stata alcuna comunicazione ufficiale del Movimento 5 Stelle e che i diretti interessati si sono visti recapitare soltanto una scarna comunicazione in cui si annunciava la cancellazione dall’elenco dei candidati.

Chiariamo subito che, dal punto di vista procedurale, si tratta di una decisione legittima, dal momento che l’articolo 2 del Regolamento per le Europarlamentarie recita:

Come previsto dallo Statuto, il Capo Politico, sentito il Garante, ha facoltà di valutare la compatibilità della candidatura con i valori e le politiche del MoVimento 5 Stelle, esprimendo l’eventuale parere vincolante negativo sull’opportunità di accettazione della candidatura; tale parere vincolante può essere espresso fino al momento del deposito delle liste elettorali.

È interessante, però, capire cosa c’è dietro allo stop a candidature che pure avevano passato il vaglio del sistema e addirittura il primo turno. E c’è un caso specifico che può aiutarci a rispondere a tale domanda. Quello di Francesco Mennella, medico e attivista che opera nel casertano, che pure era nell’elenco dei candidati che avevano superato il primo turno delle europarlamentarie grilline. Nel caso di Mennella, la risposta alla domanda “perché è stato tolto dall’elenco degli ammessi al secondo turno?” è semplice: una segnalazione, che avrebbe evidenziato un meccanismo truffaldino per gonfiare le preferenze e inficiare il voto su Rousseau, risalente alle scorse parlamentarie per la scelta dei candidati alle politiche del 4 marzo 2018.

Fanpage.it è venuta in possesso del documento che ha determinato l’esclusione di Mennella: una segnalazione da parte di una presunta sua ex collaboratrice, che informa i vertici del Movimento 5 Stelle di un vero e proprio “sistema” che sarebbe stato escogitato dal medico campano per influenzare i risultati delle parlamentarie per le Politiche del 2018, alle quali lo stesso medico si era candidato senza successo. La ricostruzione di E. è molto dettagliata e corredata da una serie di screenshot di conversazioni Whatsapp avuto con il medico campano: la ragazza sostiene di aver lavorato come “segretaria” di Mennella per 3 mesi (retribuita per un totale di 300 euro), a partire dall’ottobre del 2017 e assieme a un’altra persona. Scrive E.:

Mi viene detto ciò che sono tenuta a fare e iniziano a parlarmi di una piattaforma online chiamata Rousseau. Il mio compito era quello di assicurarmi che le persone che erano state iscritte precedentemente alla piattaforma, fossero correttamente inseriti all’interno del sistema e risultassero certificate e quindi idonee alla votazione che ci sarebbe stata da li a poco. Il mio lavoro consisteva nel controllare se fossero stati inseriti correttamente i documenti di riconoscimento di ogni persona e certificarne il numero di telefono. Ci venne detto che questo programma di lavoro era necessario affinché la candidatura del signor Mennella alle parlamentarie online andasse a buon fine e garantisse la sua elezione come candidato portavoce al parlamento italiano. Insieme a me svolgeva questo compito anche un’altra persona, un certo L.

In pratica, l’accusa nei confronti di Mennella è quella di aver costruito una rete con decine di account fasulli per influenzare il voto delle parlamentarie: registrazioni tarocche gestite dal suo team per aumentare le chance di essere tra i selezionati alle politiche del 2018. Un tentativo fallito, peraltro, come lo stesso Mennella comunica alla sua segretaria in una conversazione Whatsapp successiva. Ma c’è di più, perché E. riferisce di aver scoperto un’altra pratica fraudolenta che sarebbe stata organizzata dal team del medico:

Ricevo una sua telefonata in cui mi informa che di li a poco mi sarebbe arrivato un messaggio da parte del movimento 5 stelle con all’interno un codice che avrei poi di seguito dovuto inviargli […] Dopo questo episodio, siccome ormai conoscevo bene le dinamiche di iscrizione al movimento 5 stelle, capii che grazie ai documenti (carta di identità, codice fiscale) inviati nel mese di gennaio, il signor Mennella aveva eseguito la registrazione al movimento con la mia identità. Tale fatto non era stato oggetto di accordo per cui si può certamente affermare che la mia iscrizione sia stata eseguita senza il mio consenso […] Qualche mese dopo decido di fare luce sulla situazione riguardante la mia ipotetica iscrizione alla piattaforma Rousseau inviando una email di segnalazione al sito in cui chiedo di effettuare verifiche da parte del movimento 5 stelle al riguardo, cedendo i miei dati sensibili e spiegando ciò che era accaduto mesi prima. Purtroppo non ho ricevuto alcuna email di risposta , per cui io non so se sono stata iscritta o meno a questa piattaforma. Vista la gravità della situazione e considerato l’eventuale uso illegittimo della mia identità sono intenzionata a recarmi dai carabinieri per ulteriori delucidazioni in merito a ciò che potrei fare affinché sul caso venga fatta chiarezza.

Come detto, il piano di farsi eleggere alle parlamentarie del 2018 non andò a buon fine, ma non è da escludere che lo stesso sistema sia stato replicato per le europarlamentarie. Anche perché Mennella avrebbe potuto contare sullo stesso “archivio” di iscritti già utilizzato nel 2018. Circostanze tutte da chiarire, ma che sarebbero state alla base della decisione del M5s di togliere il medico campano dall'elenco dei papabili per una candidatura al Parlamento Europeo. Insomma, nel caso campano, malgrado l'assenza di comunicazioni ufficiali, il sistema di segnalazioni sembra aver funzionato, ma non è dato sapere se altri tentativi del genere possano aver avuto successo, in questa o in altre occasioni.

Come è stata verificata la segnalazione su Rousseau

Una volta vagliata la segnalazione, lo staff che opera sulla piattaforma Rousseau è riuscito a verificarla incrociando i dati delle iscrizioni con i numeri di telefono associati. Come un portavoce dell’Associazione ha spiegato a Fanpage.it, di norma vengono effettuati controlli a campione sulla veridicità dei documenti inviati e si approfondiscono le iscrizioni “sospette”, vagliando una serie di fattori (e chiedendo ulteriori documenti, se necessario). Nel caso specifico, i documenti analizzati sembravano tutti regolari, dunque a seguito della segnalazione si è proceduto a telefonare ai numeri associati alle iscrizioni e si è potuto constatare come i telefoni risultassero tutti spenti e non si riuscisse mai a parlare con il diretto interessato. Anche per tale motivo, oltre all’esclusione del candidato, dall’associazione fanno sapere di voler depositare una denuncia in procura per far piena luce sulla vicenda.