Il caldo torrido che ci ha fatto compagnia nelle ultime settimane si prepara a cedere il passo a una sensibile contrazione delle temperature che finalmente darà un po' di respiro già nel prossimo weekend.

Stando a quanto riferiscono gli esperti meteo la calura ha toccato nei giorni scorsi i massimi livelli soprattutto nel sud Italia e sulle isole maggiori, dove la bolla d'aria rovente proveniente dal deserto del Sahara ha determinato picchi di oltre i 40 gradi in diverse  città. Ieri in Sicilia i 46,4 gradi a Siracusa eguagliando uno storico record. Sempre sulla più estesa isola italiana, nella località di Catenanuova, sono stati toccati i 45 gradi. Picchi del genere sono decisamente insoliti e naturalmente la situazione non può che migliorare. Le temperature, infatti, scenderanno pur rimantenendo diffusamente sopra la media stagionale. Il refrigerio, comunque, in alcune aree porterà i termometri vicini alla media.

Guarda le previsioni meteo di Fanpage.it

Per quanto riguarda il Nord Italia il trend vedrà in una prima fase una calura più smorzata, con diffusi temporali sulle Alpi e localmente fino in pianura per ulteriori infiltrazioni d'aria più fresca in quota. La svolta, tuttavia, sarà molto breve dal momento che l'aria fresca nordica verrà dirottata oltre l'Adriatico, verso i Balcani. Malgrado ciò assisteremo a un generale abbassamento delle temperature, che si percepirà maggiormente sulle Adriatiche e al Sud. Da segnalare che a causa dell'instabilità atmosferica dei prossimi giorni, domani ci potrebbe essere la possibilità di qualche temporale – intenso – anche nelle interne appenniniche centrali quindi tra Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Marche.