"Vieni così ti insegniamo cosa fare quando avrai un fidanzato", così per mesi due fratelli gemelli di 31 anni hanno abusato sessualmente di una bimba di 11 anni di cui avrebbero dovuto prendersi cura mentre la mamma della piccola  andava al lavoro. È la terribile storia di violenza che vede come vittima una bimba di Bolton, nel Nord Ovest dell'Inghilterra, e venuta a galla solo quando la piccola ha raccontato tutto ai suoi insegnanti di scuola facendo partire le indagini che poi hanno portato all'arresto di Steven e Stanley Muchemwa. Tutto infatti avveniva all'interno di mura domestiche spesso anche mentre nella stessa stanza dormivano altri bambini.

La vittima ha raccontato in tribunale, alla Bolton Crown Court,  che la prima volta che Steven la stava stuprando, Stanley è entrato nella stanza e non ha fatto nulla per fermare il gemello anzi, ha iniziato anche lui a violentare la ragazzina e avrebbe, lei aveva solo 10 anni. I due fratelli avrebbero poi  continuato a violentarla durante le vacanze estive scolastiche dopo che aveva compiuto 11 anni. Durante gli abusi i due hanno minacciato la piccola dicendole che si sarebbe messa nei guai se avesse raccontato a qualcuno cosa le era stato fatto. Con una decisione coraggiosa però la 11enne ha deciso di rivelare tutto agli insegnanti. Quando polizia e servizi sociali hanno interpellato la madre , la donna è rimasta sconcertata: no aveva mai sospettato di nulla ed era stata lei stesa ad affidare ai due fratelli la figlia. I due fratelli Steven e Stanley, che inizialmente si erano dichiarati non colpevoli delle accuse, hanno messo parzialmente  le violenze e sono stati condannati rispettivamente a 14 e 15 anni di reclusione.