161 CONDIVISIONI

Veronica Yoko Plebani, la bellezza della diversità: “Mi piace il mio corpo, fa cose straordinarie”

A Fanpage.it, Veronica Yoko Plebani ha raccontato come è cambiato il rapporto col suo corpo dopo la malattia, un corpo con cui grazie allo sport ogni giorno fa cose straordinarie. Per questo lo ama (e ama mostrarlo).
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Giusy Dente
161 CONDIVISIONI
Veronica Yoko Plebani
Veronica Yoko Plebani

Se hai 15 anni e sei una ragazza iperattiva e piena di progetti, con la passione per lo sport, una meningite fulminante batterica con conseguente degenza in ospedale di mesi e amputazione di parte degli arti, pensi che sia quanto di peggio ti possa capitare. Il mondo si ferma, i piani vengono sconvolti, c'è da fare i conti con una nuova quotidianità e un nuovo corpo, con nuove sfide impensabili fino a poco prima, si fa avanti la parola disabilità.

Ma proprio la sana incoscienza dei 15 anni è stata, per Veronica Yoko Plebani, anche una salvezza, perché il non avere assolutamente idea del dopo le ha dato la possibilità di costruirselo a suo modo, con spirito propositivo e soprattutto con tanta curiosità e costante voglia di migliorarsi. A Fanpage.it ha raccontato di quanto lo sport si sia rivelato fondamentale: è ciò che le ha permesso di costruire un'identità, un'indipendenza. Parallelamente si è mossa anche nel mondo della moda, ricordando che non esistono corpi giusti e corpi sbagliati e che oltre gli stereotipi e i modelli, oltre quei corpi tutti uguali che siamo abituati a vedere su passerelle e riviste, c'è una diversità che merita di essere rappresentata.

Veronica Yoko Plebani, Tokyo 2020 Paralympic Games
Veronica Yoko Plebani, Tokyo 2020 Paralympic Games

Veronica Yoko Plebani, dopo la meningite la Maratona di New York

Sono trascorsi ormai 12 anni da quando si è ammalata e, sembrerà strano, ma Veronica Yoko Plebani di quel periodo molte cose le ha rimosse! A Fanpage.it ha ammesso: "Mentre ero in ospedale pensavo: questo dolore non lo dimenticherò mai. Poi esci, inizi a fare l'atleta paralimpica, succedono tante cose e quel momento diventa davvero piccolo, soprattutto se hai l'opportunità di vivere tante cose incredibili come tre Paralimpiadi, girare il mondo grazie allo sport, conoscere tante persone, fare divulgazione anche in ambito internazionale. Il momento della malattia in tutto questo è diventato davvero poco. È stato un momento difficile, un gradino in cui sono inciampata".

Veronica Yoko Plebani, 2014 Paralympic Winter Games
Veronica Yoko Plebani, 2014 Paralympic Winter Games

Da quella caduta, lei ha cercato di risollevarsi subito e fondamentale si è rivelato il supporto della sua "folle" famiglia. Appena uscita dall'ospedale è volata a New York coi genitori, per la famosa maratona: suo padre ha corso i 5 Km della Dash to the Finish Line spingendola in carrozzina e lei simbolicamente ha tagliato il traguardo. "Sono stati i miei primi passi, usavo ancora la carrozzina per muovermi e lì ho capito quanto lo sport e il movimento potavano darmi, nonostante un corpo che non mi facesse più vedere lo sport come prima" ha detto.

Instagram @veronicayoko
Instagram @veronicayoko

Il corpo come identità, lo sport come rinascita

Prima di ammalarsi, Veronia Yoko Plebani aveva già praticato tanti sport diversi. La meningite e le sue conseguenze non hanno affievolito la passione per il movimento, anzi ha capito subito che era lì che poteva ritrovare se stessa e rinascere: certo con una forma nuova, con un corpo diverso, ma facendo ugualmente grandi cose. "Mi piace molto cambiare, il filo conduttore è il cambiamento, la mia grande passione: mi è stato imposto dalla vita sicuramente e poi ho deciso di usarlo come forma per evolvere e andare avanti. Mi piace molto imparare cose nuove, ogni disciplina mi ha dato qualcosa di diverso" ha detto. E che si tratti di sport o altro, l'importante è trovare qualcosa capace di restituire consapevolezza e autonomia: "Alle persone in difficoltà consiglio di trovare uno spazio reale dove potersi appassionare, dove conoscersi".

Instagram @veronicayoko
Instagram @veronicayoko

Veronica Yoko Plebani, atleta e modella

Mentre era in ospedale, Veronica Yoko Plebani non aveva capito cosa stesse realmente accadendo al suo corpo: se ne è resa conto solo quando si è fatta avanti l'urgenza di amputare. Eppure, salvo comprensibili e umani momenti di sconforto, non si è fatta sopraffare da sentimenti negativi: "Ho visto il mio corpo distruggersi e poi piano piano migliorare ogni giorno. Quindi anche quando sono uscita dall'ospedale, che ero diversa da quella di prima, non ho provato tristezza, perché vedevo che il corpo migliorava, che si andava avanti. La ricerca di miglioramento è stata uno stimolo. Poi ci sono i giorni difficili e dici: ma perché tra tutti proprio a me? Poi arrivi alle Paralimpiadi, vinci la medaglia, capisci l'effetto che la tua vita ha su quella degli altri e dici: è bello che è capitato a me, in un certo senso. Ovviamente davanti a un bivio non tornerei mai sulla strada della malattia, sarebbe assurdo dirlo, però ho fatto tante esperienze che mi hanno dato un valore diverso".

Veronica Yoko Plebani sfila per Boss
Veronica Yoko Plebani sfila per Boss

E ha fatto tanto non solo nel mondo dello sport, ma anche in quello della moda: "Purtroppo le iniziative di inclusione, di rappresentazione della diversità sono ancora poche rispetto alla quantità di persone che chiede di essere rappresentata. Vedere cose uguali, corpi uguali, persone con le stesse fisionomie è un'occasione sprecata. Io ci provo a fare la mia piccola parte". È comparsa sulla copertina di Vogue, ha sfilato in passerella, ha posato per Dior mostrando le cicatrici: "A me piace il mio corpo, ogni giorno ci faccio cose straordinarie: il mio corpo sono io". E proprio quel corpo "non conforme" che ama e che ama mostrare, ci ricorda che la bellezza è complessità e sta anche nella diversità.

161 CONDIVISIONI
Veronica Yoko Plebani non nasconde le cicatrici: la salute mentale è anche amore verso il corpo
Veronica Yoko Plebani non nasconde le cicatrici: la salute mentale è anche amore verso il corpo
Veronica Yoko Plebani posa per Dior mostrando le cicatrici: la bellezza dei corpi che raccontano storie
Veronica Yoko Plebani posa per Dior mostrando le cicatrici: la bellezza dei corpi che raccontano storie
Veronica Yoko Plebani, dalle Paralimpiadi alla copertina di Vogue: "La bellezza è complessità"
Veronica Yoko Plebani, dalle Paralimpiadi alla copertina di Vogue: "La bellezza è complessità"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni