Australian Open
21 Gennaio 2022
17:36

Spettacolo fino alle 2:30 del mattino agli Australian Open, Mannarino vince la partita infinita

Oltre quattro e mezza di gioco tra Mannarino e Karatsev che hanno regalato spettacolo a chi ha seguito fino alle 2:30 di Melbourne il match degli Australian Open.
A cura di Alessio Morra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Australian Open

Un venerdì meraviglioso a Melbourne, soprattutto per l'Italia considerato lo splendido successo di Matteo Berrettini su Carlos Alcaraz, piegato al super tie-break del quinto set. Fa festa pure Nadal, che ha mostrato lampi della miglior versione contro Khachanov, a cui comunque ha ceduto un set. Hanno mostrato continuità Shapovalov e Monfils, cosa non banale per loro. Mentre sotto traccia, e senza faticare, si è qualificato per gli ottavi Zverev, numero 3 ATP. Ma la copertina se la prendono pure Mannarino e Karatsev, che hanno disputato un match spettacolare, combattutissimo e soprattutto infinito.

Sono scesi in campo quando in Australia erano le 22 e sapevano bene che avrebbe superato la mezzanotte in campo, forse non pensavano che l'incontro sarebbe durato più di quattro ore. Il francese e il russo hanno finito alle 2:30 del mattino di Melbourne, hanno giocato un match estremamente divertente e soprattutto un incontro lottatissimo, che ha visto a sorpresa prevalere il giocatore francese, che nell'arco di tre giorni ha sconfitto due giocatori compresi nella top 15 del tennis mondiale.

La lotta è stata infinita, quattro ore e trentotto minuti, non è record, ma l'incontro di terzo turno è finito oltre le 2:30 del mattino. Non è record nemmeno questo, anni fa si arrivò fino alle 4 del mattino. Ma gli spettatori che hanno seguito il match si sono divertiti tantissimo, c'è stato un numero interminabile di giochi ai vantaggi e un punto in cui entrambi i giocatori hanno fatto un ‘tweener', un tempo definito il colpo alla Noah. Mannarino è riuscito a vincere su un Karatsev stanchissimo. Il russo dopo essere stato fermo per il Covid, ha giocato e vinto il torneo di Sydney e sommando i match pure con Munar e McDonald è stato in campo a Melbourne per oltre 12 ore.

Mannarino, che aveva eliminato Hurkacz, si qualifica così per gli ottavi di finale e domenica darà vita a una sfida tra mancini con Rafa Nadal, che partirà favorito ma che dovrà stare attento al francese che ha già vinto due contro pronostico e ha fatto fuori prima un top ten e poi il semifinalista della passata stagione.

110 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni