1.298 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Monte-Carlo Masters di tennis

Sinner realizza il sogno di un tennista con paralisi cerebrale: “Grazie per la tua generosità”

Jannik Sinner a Montecarlo si è concesso ad un tennista con una paralisi cerebrale, per uno speciale allenamento. Il tennista italiano non dice mai di no ad iniziative lodevoli.
A cura di Marco Beltrami
1.298 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il tempo di Jannik Sinner è prezioso. Il tennista italiano numero 2 al mondo, da professionista esemplare qual è, deve ottimizzare al massimo i suoi impegni, soprattutto in questi pochi giorni in cui deve affinare la sua adattabilità alla terra rossa di Montecarlo dopo i successi sul cemento. Anche per questo Sinner è restio a concedersi ai riflettori fuori dal campo, come accaduto nel caso dell'iniziativa de Le Iene. Quando però si tratta di accontentare i tifosi, o di accettare iniziative lodevoli, Jannik non dice mai di no.

E così è stato anche quando gli è stato proposto qualche minuto di palleggio a Montecarlo con Arthur Delaye, un giovane giocatore di tennis disabile. Questo ragazzo affetto da una paralisi cerebrale ha avuto la possibilità di fare qualche scambio presso il campo del Montecarlo Country Club con Jannik Sinner. Una situazione che ha poi voluto celebrare in un video caricato sui social. Una giornata che Arthur, grandissimo appassionato di tennis non dimenticherà mai.

Queste le sue parole per celebrare l'allenamento con quello che è uno dei suoi giocatori preferiti: "Fantastico allenamento stasera con Jannik Sinner. Grazie Jannik per la tua generosità e gentilezza, che bel momento per me come giocatore con disabilità condividere il campo con un giocatore così leggendario. Grazie Montecarlo, ricorderò questo giorno per tutta la vita. Ho anche un pensiero per il mio coach che mi supporta per raggiungere tutti questi sogni. Nonostante la disabilità credete sempre nei vostri sogni".

Un piccolo gesto, quello di Sinner, che ha regalato un'enorme gioia a questo ragazzo che in passato aveva incontrato altri campioni del calibro di Djokovic e Nadal, riuscendo anche ad allenarsi con Wawrinka. Non ci ha pensato su due volte dunque Jannik, al contrario di quanto accaduto con l'inviato de Le Iene: l'azzurro imbarazzato, di fronte alla proposta di un match di ping pong aveva detto "No, no, io con Le Iene…". Schivo di fronte alle telecamere della TV, ha preferito comunque essere gentile in un secondo momento concedendosi per pochi minuti.

1.298 CONDIVISIONI
112 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views