33.244 CONDIVISIONI
ATP Wimbledon di tennis 2022
11 Luglio 2021
19:13

Il sorriso di Berrettini dopo il ko con Djokovic: “Per me non è la fine, ma solo l’inizio”

Niente da fare per Matteo Berrettini, sconfitto nella finale di Wimbledon da un superlativo Novak Djokovic. Torneo comunque eccezionale per il tennista italiano, che ha costretto Nole a giocare un tennis stellare. E durante la premiazione l’azzurro, si è detto ottimista per il futuro con la sensazione che il bello debba ancora venire.
A cura di Marco Beltrami
33.244 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
ATP Wimbledon di tennis 2022

Il sorriso di Matteo Berrettini è quello di chi sa di aver dato (quasi) tutto, perdendo solo contro uno dei mostri sacri del tennis. Il tennista italiano si è reso protagonista di un Wimbledon eccezionale, chiuso con la sconfitta in finale contro Novak Djokovic, al suo sesto titolo, e al 20° Slam della sua incredibile carriera. L'azzurro in occasione della premiazione ha provato a raccontare le sue emozioni, in un torneo che comunque non dimenticherà mai.

Cosa è mancato a Berrettini per vincere Wimbledon? Innanzitutto l'azzurro ha dovuto fare i conti con uno dei più grandi tennisti di tutti i tempi, che oltre all'enorme talento e fisicità, ha dimostrato anche di reggere benissimo la tensione. Queste le parole a caldo di Matteo: "Sensazioni incredibili, forse troppe da poter gestire. Anche in questo Novak è stato più bravo di me. Sta scrivendo la storia di questo sport e merita tutto. È stato bellissimo essere qui. Ci voleva solo quel passo in più che è mancato. Mi congratulo con il team di Novak, in bocca al lupo per tutto".

Al netto dei meriti di Nole, Berrettini si è detto comunque soddisfatto della sua finale, che ha chiuso due settimane per lui assolutamente memorabile. La sensazione è che il bello debba ancora venire per l'azzurro ottimista sui suoi margini di crescita e sulle possibilità di tornare a competere per trofei prestigiosi. Il tutto potendo contare anche su un team e una famiglia molto compatta: "Sono contento della mia finale, spero non sarà l’ultima. Grazie anche alla mia famiglia e ai miei amici che sono qui. È stato un lungo cammino, un lungo viaggio. Per me non è una fine, è solo un inizio. Senza di loro niente di tutto questo sarebbe stato possibile. Ci proveremo ancora".

33.244 CONDIVISIONI
96 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni