Non poteva scegliere modo migliore Matteo Berrettini per congedarsi dalle Atp Finals di Londra. Alla O2 Arena, il tennista romano, attuale numero 8 del mondo, ha battuto in due set, Dominic Thiem, numero 5 del ranking Atp, con il punteggio di 7-6 (7-3), 6-3 in un'ora e 16 minuti. Berrettini, già eliminato dalla competizione alla luce delle due precedenti sconfitte contro Djokovic e Federer è il primo italiano della storia a vincere un match in quello che è il torneo professionistico di tennis più importante dell'annata dopo le quattro prove del Grande Slam

Matteo Berrettini primo italiano a vincere un match alle Atp Finals

Matteo Berrettini è il primo italiano a vincere un match alle Atp Finals. Gli unici due predecessori azzurri a qualificarsi all'ultimo e prestigioso appuntamento stagionale erano stati Adriano Panatta e Corrado Barazzutti che però non avevano conquistato successi. Missione compiuta invece dal tennista romano, attuale numero 8 del mondo: battuto nel terzo match del suo raggruppamento Dominic Thiem, numero 5 del ranking Atp. Ottima prova del nostro portacolori che si è imposto con il punteggio di 7-6 (7-3), 6-3 in un'ora e 16 minuti

Berrettini eliminato a testa alta dalle Atp Finals

Il risultato non cambia il destino dei due tennisti, già deciso prima dell'inizio del confronto. Matteo Berrettini infatti era già eliminato in virtù della doppia sconfitta contro Roger Federer e Novak Djokovic, mentre Dominic Thiem, avendo vinto sia con lo svizzero che con il serbo (che si affronteranno questa sera in un decisivo per decidere il secondo semifinalista del gruppo Borg) era già certo del primo posto. Si deciderà domani invece il futuro dell'altro raggruppamento, dove l'unico certo della qualificazione alla semifinale che è Tsitsipas, che affronterà Nadal. Lo spagnolo è costretto a vincere, anche se nel caso in cui Zverev dovesse battere Nedved sarebbe il tedesco a passare

Le dichiarazioni di Berrettini dopo la vittoria su Thiem

Queste le parole di Matteo Berrettini ai microfoni di Sky Sport, dopo il successo su Thiem: "Sono molto fiero, dedico questa vittoria al mio team, alla famiglia. E' stata una stagione straordinaria, non mi aspettavo di essere qui a inizio stagione. Voglio tornare la prossima stagione. E' stato fantastico, sono contento di aver finito con una vittoria. Contro Thiem è sempre una grande battaglia, sono rimasto concentrato nel 1° set e sono contento della prestazione, nonostante non sia al 100% fisicamente. Il mio dritto? Devo ringraziare mia mamma. Abbiamo lavorato duro con il mio team, è merito loro. Ho vissuto momenti difficili in questa stagione e loro mi sono sempre stati vicini. Ero insopportabile. Ora devo restare concentrato perché c'è ancora un grande evento (la Coppa Davis, ndr), poi potrò prendermi qualche giorno di riposo"

Il super 2019 di Matteo Berrettini

Si chiude un 2019 ricco di soddisfazioni dunque per Matteo Berrettini. Due i titoli vinti dal 23enne a Budapest e Stoccarda, con una classifica costantemente migliorata (è entrato per la prima volta nei top 40, 30, 20, 10) e culminata nel raggiungimento dell'8° posto. Tanti i risultati positivi negli Slam, con gli ottavi a Wimbledon e la semifinale agli US Open, la semifinale al Masters 1000 di Shanghai e al 500 di Vienna. Il tutto con la sensazione che il meglio deve ancora venire.