1.443 CONDIVISIONI
Ultime notizie sulle condizioni di Alex Zanardi
19 Giugno 2020
20:54

Zanardi, un altro incidente gravissimo: nel 2001 subì l’amputazione delle gambe

Alex Zanardi lotta tra la vita e la morte dopo l’incidente in handbike, ma non è la prima volta per l’ex pilota di Formula 1. Il 15 settembre 2001 infatti il bolognese fu vittima di un terribile incidente al Lausitzring durante una gara di Indycar: allora fu ad un passo dalla morte e dovette subire l’amputazione di entrambe le gambe. All’epoca il suo caso fu oggetto di studio perché sopravvissuto con meno di un litro di sangue in corpo per 50 minuti.
A cura di Michele Mazzeo
1.443 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Ultime notizie sulle condizioni di Alex Zanardi

Alex Zanardi sta lottando nuovamente contro la morte. Ancora una volta è stato un brutto incidente a mettere a serio rischio la sua vita, come già accaduto nel 2001 quando si salvò ma dovette subire l'amputazione di entrambe le gambe. Questa volta l'ex pilota di Formula 1 e IndyCar non è stato vittima di un incidente al volante di un'auto, bensì mentre stava partecipando ad una gara di handbike (disciplina di cui è campione paralimpico): una staffetta di Obiettivo tricolore. Ha subito diversi traumi Zanardi e adesso sta lottando tra la vita e la morte in un letto d'ospedale, lui che già nel 2001 ebbe un drammatico incidente in Germania mentre disputava una gara dell'IndyCar.

Nel 2001 il primo incidente che gli costò l'amputazione di entrambe le gambe

Il 15 settembre 2001, infatti, Alex Zanardi ebbe un gravissimo incidente che gli cambiò drasticamente la vita. Quel giorno, difatti, sulla pista di Lausitzring, a tredici giri dalla fine della gara del campionato CART , l'impatto devastante che lo ridusse in fin di vita, costandogli poi l'amputazione di entrambe gli arti inferiori. Uscendo dai box l'auto del pilota bolognese effettuò un testacoda,  fermandosi al centro della pista, in quel momento sopraggiunsero ad altissima velocità le auto guidate dai canadesi Patrick Carpentier e Alex Tagliani. Il primo driver riuscì ad evitare l'impatto,  il secondo finì invece dritto sul muso della vettura di Zanardi spezzando in due la monoposto dell'italiano.

Zanardi salvo dopo 15 operazioni: sopravvissuto con meno di un litro di sangue in corpo

I soccorsi arrivarono immediatamente, ma le condizioni del classe '66 apparivano disperate: il violentissimo impatto aveva già provocato, difatti, l'amputazione di entrambe le gambe con Zanardi che rischiò di morire dissanguato. Addirittura la situazione era talmente grave che il cappellano presente sul circuito gli diede l‘estrema unzione. A quel punto venne caricato sull'elicottero e portato all'ospedale di Berlino. Lì fu immediatamente operato e gli venne asportato chirurgicamente il ginocchio destro, ormai irrecuperabile. Nonostante le condizioni disperate, dopo quattro giorni di coma farmacologico, sei settimane di ricovero e quindici interventi chirurgici, Alex Zanardi poté lasciare l'ospedale per iniziare il processo di riabilitazione. Come ha rivelato lui stesso, il suo caso fu oggetto di studio perché sopravvissuto con meno di un litro di sangue in corpo per 50 minuti.

1.443 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni