18 Novembre 2022
19:44

Mistero sul passaggio di Ricciardo in Red Bull nel 2023: il team lo annuncia in TV, lui smentisce

L’ingaggio di Daniel Ricciardo come terzo pilota della Red Bull per il Mondiale di Formula 1 2023 diventa un rebus: Helmut Marko lo annuncia ufficialmente in diretta TV nel venerdì del GP di Abu Dhabi, l’australiano poche ore dopo smentisce: “Non c’è ancora nulla di firmato”
A cura di Michele Mazzeo

Quella di Abu Dhabi in programma domenica sarà l'ultima gara in Formula 1 con la McLaren per Daniel Ricciardo che ha rescisso anticipatamente il suo contratto con la squadra britannica, dietro lauta buonuscita, per far posto nel 2023 al giovane Oscar Piastri soffiato all'Alpine. Decisa la separazione anticipata con il team di Woking l'esperto australiano non è riuscito a trovare un sedile per tornare in griglia di partenza il prossimo anno e deve ancora decidere il suo imminente futuro.

Il 33enne di Perth potrebbe però rimanere comunque nel Circus dato che ha ricevuto diverse offerte per fare da pilota di riserva e collaudatore, ed è proprio intorno ad una di queste che nel corso del weekend del GP di Abu Dhabi è nato un piccolo mistero. Daniel Ricciardo è infatti in trattativa per un clamoroso ritorno alla Red Bull (team in cui ha militato per 5 anni tra il 2014 e il 2018) per il ruolo di terzo pilota pronto a scendere in pista qualora uno dei due titolari, il campione del mondo Max Verstappen e il compagno di squadra Sergio Perez, dovessero dare forfait in qualche GP.  Trattativa che, seppur ben avviata, non è ancora chiusa.

Ha sorpreso pertanto l'annuncio fatto dal superconsulente della scuderia austriaca Helmut Marko che in diretta tv dal circuito di Yas Marina ai microfoni di Sky Deutschland ha ufficializzato l'ingaggio dell'esperto driver australiano: "Ricciardo sarà il nostro terzo pilota. Abbiamo tanti eventi sponsorizzati, dobbiamo fare spettacoli e attività simili, quindi ovviamente è uno dei più adatti e di alto profilo" sono state infatti le parole dell'influente dirigente del team di Milton Keynes che non lasciavano spazio ad alcuna interpretazione.

Dopo lo spoiler fatto da Marko prima della prima sessione di prove libere del GP di Abu Dhabi della Formula 1 2022 ci si attendeva dunque che da parte della Red Bull arrivasse l'ufficialità dell'ingaggio del pilota classe '89. E invece a smentire in parte la notizia data dal superconsulente ci ha pensato lo stesso Daniel Ricciardo che, interrogato a riguardo da Sky Italia, ha smorzato l'entusiasmo in merito al suo ritorno nell'alveo della scuderia austriaca confermando sì la trattativa in essere ma smentendo che si sia già trovato un accordo. "Non c’è ancora nulla di firmato ma stiamo parlando, questo è certo. Ci stiamo avvicinando. Sono onesto e la situazione è questa. Quando avrò firmato lo saprete di sicuro. Forse lo saprete presto, sapete come sono queste cose, ma non è ancora tutto fatto" ha difatti detto l'australiano smentendo di fatto l'annuncio quasi ufficiale fatto da Marko qualche ora prima.

La "smentita" di Ricciardo ha dunque colto di sorpresa tutti: nessuno si aspettava infatti che l'espertissimo dirigente della Red Bull potesse dare per certa la conclusione di una trattativa che non era ancora stata definita. Sorpreso è apparso anche lo stesso pilota di Perth che, come suo solito, è uscito da questa impasse con la sua proverbiale ironia: "Magari gli manco e quindi si è lasciato prendere dall'entusiasmo" ha infatti ironizzato l'attuale alfiere della McLaren riguardo l'annuncio fatto poche ore prima dall'uomo che lo ha scoperto e lo ha seguito fin dai tempi in cui era uno dei giovani più promettenti della squadra Junior della Red Bull. Nonostante ciò sembra che il ruolo di terzo pilota nella squadra campione del mondo nel 2023 resti comunque l'opzione più probabile per il futuro di Daniel Ricciardo che però sta ancora valutando altre ipotesi anche lontane dal paddock della Formula 1.

Sfregio di Verstappen a Perez e la Red Bull si spacca in diretta:
Sfregio di Verstappen a Perez e la Red Bull si spacca in diretta: "Non chiedetemelo più, chiaro?"
La Red Bull giustifica Verstappen per lo sfregio a Perez:
La Red Bull giustifica Verstappen per lo sfregio a Perez: "Accettiamo le sue motivazioni"
Caos in Ferrari, Binotto si dimette ma non c'è il sostituto: sondaggio per Horner
Caos in Ferrari, Binotto si dimette ma non c'è il sostituto: sondaggio per Horner
Classifica piloti
Classifica costruttori
Pos.
Pilota
Team
Punti
1
M. Verstappen Red Bull
Red Bull
454
2
C. Leclerc Ferrari
Ferrari
308
3
S. Pérez Red Bull
Red Bull
305
4
G. Russell Mercedes
Mercedes
275
5
C. Sainz Ferrari
Ferrari
246
Pos.
Team
Punti
1
Red Bull
759
2
Ferrari
554
3
Mercedes
515
4
Alpine
173
5
McLaren
159
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni