Se l'è sudata, davvero, tre partenze in un Gran Premio non si vedevano dal 1990. Un'altra era per la Formula 1. Questa epoca la sta segnando Lewis Hamilton, che ha una vettura strepitosa ma è anche di un altro pianeta. E al Mugello l'inglese ha vinto la 90esima gara della sua carriera, un numero impressionante. Il record di Michael Schumacher è a un passo, il tedesco ha vinto 91 gare in Formula 1. Tra due settimane c'è la prima possibilità di aggancio in Russia, dove ha vinto solo la Mercedes.

Hamilton trionfa al Mugello, 90esima vittoria in F1

Partiva dalla pole, sapeva di essere il favorito, ma ha dovuto faticare e parecchio. Perché la partenza, la prima, l'ha sbagliata, poi è entrata la Safety Car dopo l'uscita di scena di Verstappen e Gasly, poi altro stop, questa volta con sospensione per la bandiera rossa. Lewis infila all'esterno Bottas e mette le mani sul successo, che arriverà poi dopo una terza partenza e una gara, che sommando anche le interruzioni, è durata quasi due ore e mezzo, un piccolo record. E non poteva un uomo da record come Hamilton non cogliere un successo che gli regala un traguardo così importante non vincere pure al Mugello.

Ora nel mirino c'è il record di Schumacher

90 vittorie in Formula 1, un numero spaventoso per il sei volte campione del mondo che ora è a un solo successo da Schumacher, che ne conquistò 91. Il 27 settembre a Sochi avrà la possibilità di agganciarlo e poi teoricamente al Nurburgring, nel Gp di Germania, di superarlo. Il primato è a un passo, per ora Hamilton non pensa a questi record che intanto ci sono, o quasi, o lo rendono già da tempo uno dei più grandi di sempre.

90 vittorie in Formula 1

La prima la ottenne nel 2007 nel suo primo anno, ai tempi della McLaren, in Canada, poi trionfò negli Stati Uniti. Nel 2008 ha vinto il primo titolo Mondiale, poi ha sempre vinto almeno una gara in tutte le stagioni che ha disputato, anche quando non aveva delle vetture strepitose, come questa. Nel 2020 i successi sono già sette, ai suoi avversari ha lasciato le briciole.