Domenica nel GP dell'Eifel al Nurburgring Lewis Hamilton potrebbe eguagliare il record di vittorie in Formula 1 che appartiene a Michael Schumacher. Trovandosi nettamente in testa al Mondiale 2020 con un grande margine sul più immediato inseguitore, il compagno di squadra in Mercedes Valtteri Bottas, al termine della stagione con molta probabilità eguaglierà anche il primato di titoli iridati del leggendario pilota tedesco.

Inevitabilmente tutto ciò ha riportato in auge tra gli appassionati, gli addetti ai lavori, vecchi ed attuali protagonisti del paddock, la questione su chi sia il più grande pilota della storia della Formula 1. Dopo Fernando Alonso anche un altro plurititolato del Circus come Sir Jackie  Stewart ha risposto alla scomoda domanda. E secondo il tre volte campione del mondo Lewis Hamilton non può essere considerato il migliore perché ha avuto troppo vantaggio dalla netta superiorità della Mercedes sul resto del gruppo.

Lewis guida molto bene, non commettere errori, non sto in alcun modo sminuendo le sue capacità. Ma non è la stessa cosa – ha detto Sir Jackie Stewart durante la trasmissione ‘In the Fast Lane podcast' –. Quando Fangio lo faceva, guidava in quel modo, era davvero straordinario: avrebbe scelto la Ferrari, e poi avrebbe pensato ‘beh Maserati il ​​prossimo anno potrebbe essere meglio', quindi non ha mai firmato per più di un anno di contratto. E poi ha guidato per la Mercedes-Benz e ha vinto due Campionati del Mondo credo con loro, perché erano le migliori auto del mondo in quel momento. Ma ha anche scelto molto bene le persone che aveva con sé.

Lewis – ha proseguito il tre volte campione del mondo di Formula 1 – ha preso un'ottima decisione quando ha lasciato la McLaren ed è andato alla Mercedes, e mi tolgo il cappello davanti a quella decisione. Ma francamente, la macchina e il motore ora sono così superiori che è quasi ingiusto per il resto del gruppo. Ora non puoi più dirlo. Bisogna togliersi il ​​cappello davanti alla Mercedes, a Toto Wolff e prima ancora a Niki Lauda per aver fatto una squadra incredibile, per aver scelto i migliori ingegneri, e anche per aver fatto sì che siano stati investiti tanti di quei soldi che la maggior parte delle altre squadre, eccezion fatta per la Red Bull,  non potevano permettersi.

Non è proprio lo stesso rispetto che si guadagna chi vince con la macchina non migliore – ha evidenziato l'ex pilota classe '39 –. Ed è questo che a volte faceva la differenza tra i piloti molto, molto grandi e quelli che hanno avuto molto successo. È difficile dire che Lewis per me non è bravo come Fangio, molte persone non saranno d'accordo. Ma guardo le corse automobilistiche da quando ero un ragazzino. Mio fratello era un pilota da corsa, andavo con lui alle gare e vedevo Ascari e Nuvolari e Caracciola e gente del genere che veniva alle gare. Alcuni dei migliori piloti da corsa del mondo, ho visto. Stirling Moss era sicuramente uno di loro e non ha mai vinto un campionato del mondo perché non ha mai guidato le auto giuste.

Quindi è difficile fare paragoni, ma battere Michael Schumacher – ha però evidenziato la leggenda della Formula 1 – è una cosa importante perché anche Schumacher stesso ha scelto bene, lasciando Benetton per la Ferrari e ha fatto sì che la Ferrari acquistasse il meglio. Era davvero un gigante nel pensare a parte la sua guida. Dire che Lewis è il più grande di tutti i tempi sarebbe difficile da giustificare per me, per rispetto di ciò che hanno fatto gli altri piloti.

Non credo che si possa spiegare questo tipo di successo, solo perché oggi ci sono 20, 22 gare – ha dichiarato prima di avviarsi a conclusione –. Mentre ai vecchi tempi quando Fangio correva… Juan Manuel Fangio per me è il più grande pilota mai vissuto, con Jim Clark il secondo più grande, anche davanti ad Ayrton Senna. Ma quelle persone hanno corso solo forse sei, otto o nove gare all'anno in Formula 1. Per il resto del tempo guidavano auto sportive, auto GT, ecc. Oggi invece, Lewis Hamilton o uno qualsiasi degli altri migliori contendenti oggi, fanno 22 gare o 21 gare, ma solo in Formula 1. Non con le vetture da turismo, con le GT, con l'IndyCars o Can-Am. Non puoi davvero confrontarli. Direi ancora  che i migliori di sempre sono quei due piloti che ho citato, più Senna e in una certa misura Michael Schumacher, anche se nemmeno lui fece altri tipi di gare".