2.411 CONDIVISIONI
La morte di Davide Rebellin
1 Dicembre 2022
13:28

Il dolore della famiglia di Rebellin: “Il camion non s’è fermato, come ha fatto a non vederlo?”

La figura del conducente del camion è centrale nella ricostruzione della dinamica dell’incidente che ha provocato Davide Rebellin. I Carabinieri cercano di identificare il veicolo e l’autista attraverso le telecamere presenti sul luogo della tragedia. “Per com’erano ridotti il corpo e la bici non riesco a capire come il conducente del camion non si sia accorto di averlo investito”.
A cura di Maurizio De Santis
2.411 CONDIVISIONI
Davide Rebellin è morto sul colpo dopo essere stato travolto da un camion mentre era in bici.
Davide Rebellin è morto sul colpo dopo essere stato travolto da un camion mentre era in bici.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte di Davide Rebellin

La scena che il fratello, Carlo, ha avuto davanti agli occhi era agghiacciante, un colpo al cuore. La bicicletta di Davide Rebellin, travolto e ucciso da un camion, era accartocciata, ridotta a rottame dopo essere stata trascinata dal veicolo che l'aveva speronata. L'ex campione di ciclismo è morto sul colpo (come accertato dal personale medico del 118 accorso sul posto) mentre il mezzo che lo ha investito s'è allontanato dal luogo dell'incidente avvenuto lungo la strada Regionale 11 a Montebello Vicentino, nei pressi del bar ristorante La Padana.

L'autista non si è fermato: non è chiaro se sia reso conto dell'impatto e sia fuggito oppure abbia agito in buona fede, del tutto ignaro di cosa era successo. Un aspetto, quest'ultimo, sul quale indagano i Carabinieri sia per risalire all'identità del conducente attraverso l'identificazione della targa e del modello di camion sia definire l'esatta dinamica del sinistro.

"In paese circolavano strane voci su incidente…", inizia così il racconto drammatico del fratello dell'ex ciclista che, straziato dal dolore, parla di quella fatale coincidenza del destino ("mi aveva chiesto di accompagnarlo ma avevo rinunciato per un imprevisto"), della telefonata ricevuta dal cugino che lo aveva allarmato e delle immagini raccapriccianti a cui ha assistito.

L’ex campione di ciclismo aveva 51 anni, s’indaga sulla dinamica dell’impatto fatale.
L’ex campione di ciclismo aveva 51 anni, s’indaga sulla dinamica dell’impatto fatale.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti l'autotreno avrebbe colpito Rebellin mentre effettuava la manovra per percorrere la rotatoria dello svincolo e arrivare al parcheggio. L'ex corridore 51enne stava rientrando a casa a Lonigo dopo la consueta sessione di allenamento in sella alle due ruote che rappresentavano la passione di una vita.

"Ho provato a telefonare a Davide ma lui non rispondeva – ha spiegato nell'intervista al Corriere della Sera -. Ho chiamato i Carabinieri e poi ho raggiunto il luogo dell'incidente. Il suo corpo era ancora a terra, coperto. Non me lo facevano vedere. Ma ho riconosciuto la sua bici". Ed è stato tremendo.

Carlo stenta a credere che da parte del fratello ci sia stata una disattenzione. "Mio fratello è cresciuto in queste zone, qui si è allenato per anni… conosceva queste strade come le sue tasche. Mi aveva detto che avrebbe fatto le solite tre, quattro ore di pedalate e poi sarebbe tornato a casa".

Cosa sia accaduto non riesce a spiegarselo, gli torna in mente la salma del fratello, stesa sulla carreggiata, la bici deformata e sente un vuoto profondo dentro di sé. "Davide stava pedalando intorno alla rotonda, sul lato della strada. Per com’erano ridotti il corpo e la bici trascinata per decine di metri, proprio non riesco a capire come il conducente del camion non si sia accorto di averlo investito". Le telecamere potrebbero aver registrato gli istanti di quella tragedia, è dolore su dolore, precipita piano senza far rumore.

2.411 CONDIVISIONI
10 contenuti su questa storia
L'ultimo saluto a Rebellin si tramuta in un grido di rabbia:
L'ultimo saluto a Rebellin si tramuta in un grido di rabbia: "Vergogna, fermate queste stragi!"
La rabbia della vedova di Rebellin:
La rabbia della vedova di Rebellin: "Me l'hanno fatto a pezzi, non aveva più soldi sul conto"
La moglie di Rebellin distrutta dal dolore:
La moglie di Rebellin distrutta dal dolore: "Come posso respirare senza di te al mio fianco?"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni