Era da tempo che non si vedeva una rissa vera nei campi della Premier League, era da decenni che non se ne vedeva una tra compagni di squadra. Quando è finito il primo tempo di Tottenham-Everton, il Monday Night della 33esima giornata, il portiere Lloris ha fatto una trentina di metri di corsa, veloce, per avvicinarsi al compagno Son, a cui ha detto qualcosa di forte, il coreano si è girato ed era pronto a reagire, ma poi ha capito di lasciar perdere, mentre Lloris è stato placcato da tre compagni di squadra che lo hanno bloccato e fermato prima dello scontro vero e proprio.

La rissa sfiorata e poi la pace tra Lloris e Son

Al momento non si sa perché il portiere francese di gran carriera si sia portato con fare minaccioso alle spalle di Son, a cui ha detto qualcosa di pesante, ed è sembrato volesse andare nettamente al corpo a corpo. Determinante l'intervento di tre giocatori del Tottenham che hanno fermato Lloris. Quando le squadre sono rientrate in campo nella ripresa, mentre tutti i giocatori erano nel tunnel degli spogliatoi le telecamere si sono soffermate ovviamente su Lloris e Son che si sono salutati cordialmente, segno che nell'intervallo tutto è stato messo in ordine, magari con le parole di Mourinho.

Il Tottenham ha battuto l'Everton 1-0

Gli Spurs hanno conquistato un successo molto prezioso. Innanzitutto perché si sono riscattati dopo il sorprendente e pesante ko con lo Sheffield United e perché con questi tre punti il Tottenham si è rimesso in corsa per un posto in Europa League, l'obiettivo minimo stagionale. L'incontro è stato deciso da un'autorete di Keane, sfortunato nel deviare una conclusione ravvicinata dell'argentino Lo Celso. Mourinho, che prima e dopo la partita ha abbracciato Carlo Ancelotti, supera il Burnley e aggancia lo Sheffield all'ottavo posto, un punto in più ce l'ha l'Arsenal.