video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Spartak Mosca furioso con Uefa e Fifa: “Decisione sconvolgente, costretti a obbedire”

Lo Spartak Mosca ha espresso tutta la propria delusione dopo l’esclusione dall’Europa League. La decisione di Fifa e Uefa ha spiazzato il club russo che l’ha definita “estremamente sconvolgente”.
A cura di Fabrizio Rinelli
335 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

L'invasione dei mezzi militari della Russia di Putin in Ucraina hanno creato una guerra che ha sorpreso tutti e che sta sconvolgendo il popolo ucraino. Per questo motivo l'Europa ha sanzionato in modo massiccio la Russia su tutti i fronti, anche a livello sportivo. Nella mattinata odierna infatti la Uefa e la Fifa hanno deciso di escludere a tempo indeterminato tutte le squadre russe dalla partecipazione alle partite internazionali. Oltre all'esclusione della Russia, che avrebbe dovuto giocare i playoff Mondiali contro la Polonia, anche i club russi sono stati estromessi dalla partecipazione alle varie competizioni del continente come Champions, Europa e Conference League.

Fra i club penalizzati anche lo Spartak Mosca, che nel girone di Europa League aveva anche affrontato il Napoli di Luciano Spalletti. I russi avrebbero dovuto giocare contro il Lipsia negli ottavi di finale e invece dovranno vedere i tedeschi superare il turno. Sul proprio account Twitter, lo Spartak Mosca ha voluto esprimere il proprio rammarico e la propria rabbia nei confronti di chi ha preso questa decisione. "UEFA e FIFA hanno deciso di escluderci e ciò significa che i nostri ottavi di finale contro il Lipsia non andranno come previsto – si legge – Questo verdetto è collegato alla posizione delle organizzazioni sui recenti eventi che hanno avuto luogo in Ucraina".

Lo sfogo dello Spartak Mosca è molto forte: "La recente decisione presa da UEFA e FIFA, sebbene prevista, è estremamente sconvolgente – si legge ancora nella nota – Purtroppo gli sforzi che il nostro club ha fatto in Europa League sono stati vanificati per ragioni che esulano dall'ambito sportivo". Il club russo crede che questa decisione vada contro i principi dello sport e la passione dei propri tifosi: "Crediamo che lo sport, anche nei momenti più difficili, debba puntare a costruire ponti, e non a bruciarli – continua il club – Siamo costretti a obbedire a una decisione con cui non siamo d'accordo. Per ora, ci concentreremo sulle competizioni nazionali e non vediamo l'ora di raggiungere rapidamente la pace di cui tutti hanno bisogno".

Anche la Federazione russa non è rimasta in silenzio dopo questa decisione della Uefa e della Fifa: "Riteniamo che sia contraria alle norme e ai principi della competizione internazionale, nonché allo spirito dello sport – si legge – Ha un evidente carattere discriminatorio e danneggia un numero enorme di atleti, allenatori, dipendenti di club e squadre nazionali e, soprattutto, milioni di tifosi russi e stranieri, i cui interessi devono innanzitutto tutelare le organizzazioni sportive internazionali". La Federazione russa preannuncia ricorso: "Tali azioni stanno dividendo la comunità sportiva mondiale, che ha sempre aderito ai principi di uguaglianza, rispetto reciproco e indipendenza dalla politica. Ci riserviamo il diritto di impugnare la decisione della FIFA e della UEFA in conformità con il diritto sportivo internazionale".

335 CONDIVISIONI
4346 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views