Carlo Ancelotti potrà essere sulla panchina dell'Everton nel prossimo fine settimana e avrà la possibilità di ricevere l'abbraccio dei suoi vecchi tifosi, quelli del Chelsea, che certamente lo accoglieranno con grande affetto. L'allenatore italiano era stato espulso al termine del match con il Manchester United, ma dopo aver pagato un'ammenda avrà la possibilità di seguire da bordo campo la squadra.

Ancelotti espulso in Everton-Manchester United

Il sogno del posto in Champions, e della clamorosa rimonta, Ancelotti lo sta ancora cullando, se avesse battuto il Manchester United si sarebbe issato al quinto posto (che può valere tanto se il TAS confermerà la sanzione al Manchester City). Nella ripresa, sul punteggio di 1-1, l'Everton realizza il meritato gol del sorpasso. L'arbitro lo convalida, De Gea e Maguire protestano e cercano di condizionare anche il direttore di gara che dopo aver sentito il guardalinee ascolta soprattutto chi è al VAR annulla il gol, giustamente, per un fuorigioco di Sigurdsson. Pochi minuti dopo Ancelotti va a discutere con l'arbitro Kavanagh che decide di espellerlo.

Nessuna squalifica, Carlo Ancelotti in panchina in Chelsea-Everton

Ancelotti dopo quel cartellino rosso, curiosamente il secondo della stagione (il primo con il Napoli, in un caotico match contro l'Atalanta), aveva ricevuto un turno di squalifica. Ma dopo aver pagato un'ammenda di 8 mila sterline e dopo aver fatto ammissione di cattiva condotta è stata revocata la sanzione. Ancelotti guiderà così l'Everton, domenica 8 marzo, a Stamford Bridge nella partita contro il Chelsea di Lampard, uno dei suoi allievi. Una partita tutt'altro che banale per il tecnico dei Toffees perché con il Chelsea ha vinto Premier League e FA Cup nel 2010.