Subito dopo Natale, il 27 dicembre, la Premier League ritorna in campo. Nessuna pausa invernale, il calcio inglese approfitta anche del periodo di festività per giocare e divertire. Il consueto appuntamento vede anche i campioni in carica del Manchester City giocare in trasferta contro il Wolverhampton, un match delicatissimo perché i Wolves sono ad una manciata di punti dalla zona Europa (sesto posto a 27 punti) mentre i Citizens (terzi a 38 punti) accusano 11 lunghezze di ritardo dal Liverpool capolista.

Un addio anticipato ai sogni di gloria in campionato, con le speranze però intatte per ciò che riguarda le speranze di Champions League. Una stagione altalenante che potrebbe anche essere l'ultima per Pep Guardiola alla guida del Manchester City. Già nell'ultima caldissima estate di mercato il nome del catalano era prepotentemente arrivata fino in Italia quando Allegri e la Juventus avevano annunciato il divorzio.

Le speculazioni nell'ultimo mercato estivo

Speculazioni, ma anche un accenno di verità, portarono Guardiola vicino al dopo Allegri che poi venne occupato da Maurizio Sarri. Complice il contratto milionario con il City e i postumi di una stagione grandiosa in cui aveva vinto il titolo all'ultima giornata. Ora, però, lo scenario è cambiato.  Perché ci sarebbero diverse pretendenti alla corte del tecnico spagnolo che nel contratto con il club inglese avrebbe anche una clausola di rescissione a giugno 2020 rispetto alla naturale scadenza del giugno 2021.

Nessun addio, si lavora per il rinnovo

Guardiola ha già smentito la notizia promettendo di onorare fino alla fine il contratto, e nella conferenza stampa pre-Wolves è tornato sull'argomento, caldissimo, per i tabloid inglesi: "Sto incredibilmente bene al Manchester City non ho intenzione di andarmene ma prima di firmare un rinnovo di contratto bisogna meritarselo. Il livello è cresciuto molto negli ultimi anni, così come sono cresciute molto le aspettative di questo club. Bisogna capire se riusciremo a gestire queste aspettative nel modo migliore. Non ho ancora parlato con il club, ci sarà tempo per farlo ma lo faremo".

Chi arriverebbe al City e dove andrebbe Guardiola

In pole, tra le possibili pretendenti ci sarebbe al momento il Paris Saint Germain che lascerebbe andare via Tuchel per abbracciare il catalano che sotto la Torre Eiffel troverebbe una rosa di tutto rispetto su cui costruire nuovi successi. Anche al City si starebbe già lavorando per il sostituto secondo i giornalisti inglesi: si tratterebbe dell'ex Tottenham, Mauricio Pochettino.