La UEFA sarebbe pronta a eliminare la regola dei gol in trasferta nei tempi supplementari in Champions ed Europa League. È quanto afferma il tabloid inglese The Sun, secondo cui la modifica al regolamento sarà accordata venerdì, nella riunione del comitato per le competizioni della UEFA.

Cosa prevede la proposta sui gol in trasferta

La proposta, avanzata da molti top club europei, prevede che i gol realizzati dalle squadre in trasferta nei tempi supplementari delle sfide di ritorno di Champions, Europa e anche della neonata Conference League non valgano più doppio, comportando l'assenza di vantaggio per i club ospiti. Se le indiscrezioni del Sun fossero confermate, la nuova regola entrerebbe in vigore a partire dalla prossima stagione. A convincere l'organismo, sarebbero stati i numerosi match giocati in campo neutro a causa della pandemia tra Champions ed Europa League, che hanno fatto ricredere parzialmente i vertici UEFA sull'utilità della regola, introdotta per la prima volta nella stagione 1965-66. È stata respinta sul nascere, invece, la possibilità di eliminare del tutto la norma dei gol in trasferta, nella quale a Nyon non smettono di credere.

Il caso di Juventus-Porto

La modifica della regola avrebbe un impatto comunque rilevante sulle competizioni europee. Se fosse stata in vigore già da quest'anno, ad esempio, a passare il turno nella sfida tra Juventus e Porto sarebbero stati i bianconeri. Nel match dell'Allianz Stadium, infatti, il gol di Sergio Oliveira realizzato nel secondo tempo supplementare ha, di fatto, tagliato le gambe agli uomini di Pirlo, che avrebbero dovuto segnare due gol per passare il turno. La rete di Rabiot, arrivata nel finale, non è stata sufficiente ma se come sembra, dovesse esserci la modifica al regolamento, le cose potrebbero cambiare già a partire dalla prossima stagione.