Zlatan Ibrahimovic è stato protagonista anche nella terza serata del Festival di Sanremo. L'attaccante del Milan era atteso sul palco dell'Ariston ad inizio serata ma purtroppo un incidente in autostrada l'ha tenuto bloccato per ben 3 ore. Il giocatore ha raccontato in diretta tv di aver chiesto all'autista di farlo scendere facendosi accompagnare da un motociclista a Sanremo: "Per 60 chilometri mi ha portato in moto, fortuna che era milanista". Da quel momento in poi è iniziata la serata del bomber svedese.

Il giocatore si è esibito in un duetto canoro inedito con il tecnico del Bologna, Mihajlovic. Zlatan e Sinisa hanno cantato "Io vagabondo" e intonando il celebre brano scritto da Alberto Salerno e portato al successo dai Nomadihanno anche rivelato come sia nata la loro amicizia: "Era uno Juve-Inter – spiega il tecnico serbo – e mi ha dato una testata. Da quel momento siamo diventati amici". Ibrahimovic ha poi incontrato sul palco dell'Ariston anche Donato Grande, attaccante della Nazionale di Powerchair Football, in un momento denso di significato. I due hanno palleggiato insieme, dando vita ad una delle immagini più belle di questo Festival. "Palleggi meglio dei miei compagni di squadra", ha detto scherzosamente lo svedese.

Ad un certo punto, durante lo scambio di passaggi, per evitare che la sfera cadesse dal palco, Ibrahimovic l'ha raggiunta con un piccolo scatto, esibendosi anche in un colpo di tacco. Uno scatto di pochi metri che ha portato diversi tifosi del Milan a commentare questo episodio sui social. "Ma non era infortunato?" si sono chiesti in tanti.

L'infortunio di Ibrahimovic: tempi di recupero

Alcuni tifosi del Milan hanno parlato di questo scatto quasi con sollievo, come se fosse un segnale che l'infortunio dello svedese sia meno grave del previsto. L'attaccante del Milan infatti dovrà recuperare dalla lesione all'adduttore sinistro evidenziata dagli esami strumentali a margine della sfida contro la Roma di domenica scorsa.

Un problema di non poco conto che lo costringerà a saltare almeno 3 partite. Lo svedese infatti ha già saltato la gara contro l'Udinese, non giocherà domenica contro il Verona e sarà assente anche nell'andata degli ottavi di Europa League contro il Manchester United, la sua ex squadra. Ma il recupero procede bene e il giocatore, specie dopo il pari contro i friulani che ha fatto scivolare i rossoneri a -6 dall'Inter, vuole togliersi subito i panni del presentatore e tornare a fare i gol come solo Zlatan sa fare.