Un mattone alla volta per (ri)fare una grande Inter. Il primo passo era rientrare nei parametri finanziari della Uefa, condizione imprescindibile per assicurarsi un futuro senza più il cappio al collo delle restrizioni. Il secondo è stato potenziare la squadra per tenere testa alla Juventus, avvicinarsi ai bianconeri e contrastarne lo strapotere. Il terzo conduce i nerazzurri in una dimensione ulteriore d'azienda perché contempla una rivisitazione delle strutture attualmente a disposizione nello storico centro sportivo: da un albergo ai campi d'allenamento con terreni riscaldati, tutto verrà pensato in linea con l'idea di fare della società un ente proiettato verso il futuro.

Dove arriveranno tutti i soldi necessari per sostenere un progetto così ambizioso? La crescita esponenziale non può essere legata solo alle cessioni illustri oppure alle plusvalenze del player trading. Per incrementare il fatturato che – come raccontato dalla Gazzetta – è giunto a 377 milioni nell'ultimo bilancio occorrerà amplificare l'appeal del brand e legarlo a nuove partnership commerciali che esaltino l'esperienza imprenditoriale milanese. Altra voce importante: le novità sullo stadio e i diritti da sfruttare su nuovi mercati.

Dalla fondamenta della società a quelle della squadra che verrà potenziata ma non solo portando in nerazzurro nuovi acquisti ma costruendo intorno all'allenatore uno staff all'altezza delle ambizioni. Dopo il nutrizionista, il prossimo step è ingaggiare uno psicologo dello sport, uno specialista che supporti allenatore e calciatori nel lavoro settimanale. Per la serie, mens sana in corpore sano.

E ancora altre figure che, per esperienza internazionale, possono aiutare a consolidare quella mentalità vincente che ti aiuta quando il raggio di competizione va al di là dei confini patrii. Contestualmente, si lavorerà anche per rafforzare la rosa non solo acquistando calciatori già affermati ma anche talenti (è il caso del forte interesse per Castrovilli della Fiorentina) che siano un ponte per il futuro. È la nuova Inter di Zhang, quella che vuole strappare lo scettro alla Juventus.