Dopo Radomir Antic, l'Atletico Madrid piange un'altra delle sue leggende. È morto all'età di 81 anni Miguel Jones, ex attaccante dei Colchoneros e grande gloria del club madrileno. L'ex calciatore spagnolo malato da tempo di cancro, era stato ricoverato pochi giorni fa con una polmonite da Coronavirus che si è rivelata fatale. 8 le sue stagioni con la casacca dell'Atletico prima di ritirarsi a soli 28 anni.

È morto Miguel Jones, la grande gloria dell'Atletico Madrid uccisa dal Coronavirus

L'Atletico Madrid attraverso un comunicato ufficiale ha annunciato la morte di Miguel Jones, una delle grandi glorie del club. Le già difficili condizioni di salute dell'ex attaccante 81enne sono state compromesse dal Coronavirus che non gli ha lasciato scampo dopo il ricovero a Bilbao. I Colchoneros gli hanno dedicato un doveroso tributo, ripercorrendo le tappe della sua carriera svoltasi tutta nella capitale spagnola. Dopo essere stato escluso infatti dall'Athletic Bilbao alla luce delle sue origini africane (i Rojiblancos tesserano solo calciatori baschi), Jones si trasferi' all'Atletico Madrid

Chi era Miguel Jones, la sua carriera con l'Atletico Madrid

Con la maglia dei Colchoneros, Miguel Jones duttile attaccante capace di ricoprire più ruoli ha disputato 8 stagioni, collezionando 129 partite ufficiali. Al suo attivo la vittoria di un campionato spagnolo, 3 Coppe del Re e una Coppa delle Coppe. Per lui anche alcune reti molto pesanti, tra cui il gol di apertura nella finale di Coppa del Generalísimo 1959-1960 contro il Real Madrid e, un anno dopo, nella finale di Coppa delle Coppe 1961-1962 contro la Fiorentina. Si ritirò a soli 28 anni, iniziando a lavorare come dirigente nell'Indautxu. Questo il cordoglio del club iberico: "Con la partenza di Jones, la famiglia dell'Atletico  perde un altro dei simboli che hanno dato tutto per questo club dentro e fuori dal campo di gioco. Dal club, il presidente, l'amministratore delegato e il nostro consiglio offrono le loro sincere condoglianze a tutta la famiglia e agli amici".