In un momento così difficile per tutto il mondo c'è bisogno di buone notizie, e un'ottima notizia arriva direttamente dall'Olanda dove dopo due anni e mezzo l'ex calciatore dell'Ajax Nouri è tornato a casa. L'annuncio lo ha dato il fratello dello sfortunato nel corso di una trasmissione televisiva ‘De Wereld Draait Door'.

Nouri è tornato a casa

Finalmente è tornato a casa questo sfortunatissimo ragazzo che è rimasto a lungo in coma prima di risvegliarsi. Purtroppo, però, Nouri ha riportato gravissimi danni cerebrali permanenti e per questo è costretto a stare a letto nella propria abitazione, assistito di continuo, ma almeno può godere dell'affetto dei suoi familiari, in particolare suo fratello Abderrhaim che in tv ha detto che l'ex Ajax comunica con la sua famiglia muovendo le sopracciglia e sorride quando in casa si guardano le partite di calcio:

E' sveglio, mangia ma non si alza dal letto. Nei momenti migliori comunica muovendo le sopracciglia. Appie è consapevole di dove si trova. Per lui è importante stare con la sua famiglia. Notiamo che gli piace quando guardiamo le partite. A volte sorride. Facciamo finta che non sia malato, gli parliamo. Guarire? Crediamo in un miracolo, certamente! Questa è una prova molto difficile per noi ma facciamo del nostro meglio e cerchiamo di prenderci cura di lui nel miglior modo possibile.

Nouri si sentì male giocando con l'Ajax

L'8 luglio del 2017 durante un'amichevole estiva tra l'Ajax e il Werder Brema Nouri si sente male, ha un problema serio, viene soccorso in campo, i medici cercano di rianimarlo con un defibrillatore, il problema è al cuore. Il club olandese pochi giorni dopo fa sapere che le condizioni di Nouri sono serie e pochi giorni dopo annuncia che il centrocampista ha subito danni cerebrali gravi e permanenti. Il fratello ora ha annunciato che Nouri comunica con la sua famiglia, ora che finalmente è tornato a casa.