3.081 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Rita Pavone: “So cos’è il bodyshaming, mi dicevano che non ero bella”

La storica cantante ha condiviso episodi di body shaming che ha subito durante la sua prima parte di carriera: “Mi dicevano che ero troppo piccola e che non ero bella”.
3.081 CONDIVISIONI
Immagine

Durante il programma "Storie di successo al femminile" su Rai Isoradio, Rita Pavone ha condiviso alcuni momenti molto duri e drammatici della sua carriera. L'intervento, in diretta radiofonica a Cambiare si può: Storie di successo al femminile, programma ideato e condotto da Claudia Conte, in onda ogni venerdì alle 21 su Rai Isoradio, ha suscitato scalpore per le sue dichiarazioni: "Ho conosciuto il body shaming già da bambina; mi dicevano che ero troppo piccola e che non ero bella". 

Che cosa ha detto Rita Pavone

Nel corso dell'intervista, Rita Pavone ha offerto una serie di dichiarazioni che hanno fatto il punto non solo sulla sua carriera personale, ma anche su quella che è la sua sfera privata, condividendo episodi di body shaming che ha subito durante la sua prima parte di carriera.

Papà credeva ciecamente in me, mi diceva che potevo essere amata o odiata, ma comunque non avrei mai ricevuto solo indifferenza. Ho conosciuto il body shaming già da bambina; mi dicevano che ero troppo piccola e che non ero bella. Chissenefrega, io faccio la cantante e credo di essere stata all'altezza del mio ruolo.

"Prima si faceva gavetta, ora i ragazzi dei talent sono fortunati"

C'è anche spazio per un commento in stile "ai miei tempi". Rita Pavone sottolinea le differenze tra gli artisti di oggi che hanno molto più spazio e molte più opportunità di essere seguiti: "I ragazzi dei talent di oggi sono molto fortunati e non se ne rendono conto. Prima si faceva gavetta per riuscire a farsi vedere, ora sono facilitati dall'opportunità televisiva che ti da un pubblico che non immaginavi di poter avere. Qualche volta pensano di essere già arrivati, ma in realtà arrivare è facilissimo, il difficile è rimanere. Devono imparare a tenere in mano questa occasione e trattarla come un cristallo; fragile ma bellissimo". 

3.081 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views