2.165 CONDIVISIONI
Festival di Sanremo 2022
6 Febbraio 2022
0:46

Irama dedica Ovunque Sarai al Festival di Sanremo 2022 alla nonna

Ovunque Sarai di Irama al Festival di Sanremo 2022 è dedicata alla sua nonna, la stessa alla quale scrisse una lettera quando partecipò ad Amici nel 2018.
A cura di Gaia Martino
2.165 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Festival di Sanremo 2022

La canzone di Irama al Festival di Sanremo 2022, Ovunque sarai, è una ballad romantica che omaggia l'arte della poesia, con l'anafora ‘Se sarai' presente nelle liriche. L'artista si rivolge ad una persona scomparsa, parla di una perdita, come ha spiegato lui stesso a Fanpage.it: "Sono salito sul tetto di questa casa e ho parlato a una persona che non c'è più". Irama dedica il suo brano Ovunque Sarai alla nonna.

L'omaggio di Irama alla nonna

Con una IG story Irama fa sapere che la persona a cui ha dedicato il brano cantato al Festival di Sanremo 2022 è la sua nonna. "Dedicato a te, ovunque sarai" ha scritto a corredo di una foto di lui bambino con la nonna:

La dedica per nonna Adri ad Amici 2018

Irama quando ha partecipato ad Amici di Maria De Filippi nel 2018, vincendo l'edizione, ha raccontato di sua nonna alla quale dedicò ‘Un respiro'. Fu Maria De Filippi a leggere la lettera scritta dall'allora giovane allievo per nonna Adri:

Cara Adri, Scusami se quel giorno non ho pianto. Oggi mi trovo qui chiuso in un camerino a scriverti una lettera che non mi va di scrivere. Chissà da cosa deriva questo mio approccio ansiogeno e paranoico alla scrittura. Di certo non ho preso da te, signora professoressa, ma gli occhi si quelli sono identici ai tuoi freddi come ghiaccio talmente freddi da ingannare chi li fissa perché basterebbe solo guardarli nel modo giusto per iniziare a farli diluviare. Spesso non riesco a farmi capire, cioé, mi spiego…vorrei farmi capire ma crescendo ho imparato che certe cose non vanno dette. Che ironia! Pensare che proprio tu quando mi beccasti a rubare quel personaggio di Batman a mio cugino Edoardo mi cazziasti proprio perché lo avevo nascosto senza dirtelo dicendomi : "Devi essere sincero".Non è così, non sempre ci si può permettere il lusso della sincerità. Lo sono nella musica completamente, a volte ci rimango male, ci soffro quando sento dire dalle persone che ero sparito. Sparito…a ventidue anni sparito. Non sono mai sparito. Quel ragazzino con le piume che aveva fatto quelle tre canzoni non poteva parlare più perché più parlava più rischiava di sparire. Ho passato un anno di merda, davvero di merda, ma fortunatamente nessuno è riuscito a strapparmi questo bisogno di scrivere canzoni. Oggi mi ritrovo qui, chiuso in un camerino a scriverti una lettera che mi sta facendo sentire il bisogno di parlarti ancora una volta. Ero un disastro…ogni volta che chiamavi ti preoccupavi per me ma eri buona anche se combinavo un casino dietro l'altro non te la prendevi mai seriamente. Mi ricordo quella volta che mi tatuai sulle braccia dei serpenti, ti chiesi scherzando se ti piacevano, sapevo che ti facevano impressione i serpenti…ma piuttosto che rischiare di farmi rimanere male mi dicesti : "Sì".Che erano fatti bene. Tante cose non te le ho mai dette, ho passato cose e vissuto troppo presto cose più grandi di me. Non sono sicuro mi avresti capito ma se potessi tornare indietro te le direi perché sono certo che mi avresti ascoltato. Oggi sono quasi un uomo e quelle storie che ho vissuto intensamente sono le mie canzoni, una l'ho scritta per te, si chiama "Un respiro". Sto facendo un programma televisivo, "Amici", quello che nonno guardava sempre mentre tu eri lì in cucina. Mi sto impegnando come sempre solo nelle cose che mi piacciono. Ho ancora il biglietto per quel concerto a cui non verrai, dammi solo un buon motivo, dammene uno solo il perché sei partita senza dirlo a nessuno niente di che, mi aspettavo solamente un saluto siamo io e te a guardarci tra le nuvole e il fumo. Vorrei tornare indietro solo per un addio e dirti che il concerto era il mio. Per dirti "quel concerto era il mio".Un bacio, tuo nipote.

2.165 CONDIVISIONI
570 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni