1.212 CONDIVISIONI
18 Novembre 2018
21:50

Punito per aver usato il cellulare in classe, 11enne si suicida gettandosi da un ponte

I compagni di scuola hanno immediatamente avvertito i genitori del ragazzino e raccontato ciò che l’undicenne aveva annunciato in merito all’intenzione di suicidarsi. Una volta giunti sul posto indicato, però, i genitori non hanno potuto far altro che constatare il decesso del figlio: il ragazzino si era già gettato dal ponte.
A cura di C. M.
1.212 CONDIVISIONI

Tragedia in Francia: un ragazzino di 11 anni si è tolto la vita lanciandosi da un ponte dopo essere stato punito dalla propria insegnante per aver utilizzato il cellulare in classe. A raccontare la vicenda è il giornale Le Figaro e secondo quanto riportato protagonista del drammatico avvenimento è un minore che frequentava la scuola Bellevue, nel comune di Beausoleil, nel dipartimento delle Alpi Marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

"Il ragazzo, come di consuetudine, si stava dirigendo con due compagni alla fermata dell'autobus per andare a casa quando ha annunciato ai suoi amici l'intenzione di suicidarsi", ha raccontato il procuratore Jean-Michel Prêtre al giornale francese. Prêtre ha inoltre aggiunto che la decisione del minore sarebbe scaturita dal rimprovero di una docente che lo aveva sorpreso a utilizzare il telefono cellulare durante una lezione.

"Tutto sembra legato al panico provato dall'undicenne in seguito alle rimostranze che un docente ha avanzato dopo averlo sorpreso a utilizzare il telefono in classe. Queste rimostranze si sono tradotte in due ore di punizione", ha raccontato un altro magistrato.

I compagni di scuola hanno immediatamente avvertito i genitori del ragazzino e raccontato ciò che l'undicenne aveva annunciato. Una volta giunti sul posto indicato, però, non hanno potuto far altro che constatare il decesso del figlio: il ragazzino si era già gettato dal ponte e il corpo ormai privo di vita è stato avvistato nel fiume sottostante all'arrivo dei genitori e dei soccorsi.

1.212 CONDIVISIONI
“Legati in vita e in morte”, l'addio al papà suicida e al figlio di 18 mesi dimenticato in auto
“Legati in vita e in morte”, l'addio al papà suicida e al figlio di 18 mesi dimenticato in auto
Il cantante R. Kelly condannato a 30 anni per abusi sessuali
Il cantante R. Kelly condannato a 30 anni per abusi sessuali
49 di askanews
Legato e incappucciato con un lenzuolo sporco di sangue, il mistero di Donato ucciso in casa sua
Legato e incappucciato con un lenzuolo sporco di sangue, il mistero di Donato ucciso in casa sua
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni