Ha fatto il giro del mondo la storia del neonato rinvenuto vivo sabato scorso nello scarico di un water in Cina, nella provincia orientale di Zhejiang. I soccorritori impiegarono non meno di un'ora per sezionare il tubo, dove il piccolo era stato gettato dalla madre, poi portare il bambino in ospedale. Ebbene, "Baby 59" (questo è il nome provvisorio del piccolo, ed è anche il numero dell'incubatrice nella quale è stato collocato) sta bene, le sue condizioni di salute sono stazionarie e non è in pericolo di vita. Quella in alto è la sua foto più recente, in ospedale. La madre, accusata di tentato omicidio, è stata bersagliata da decine di migliaia di microblogger cinesi, che l'hanno, come è ovvio, duramente condannata per il gesto compiuto. La donna, da quanto si è appreso, non poteva mantenere il piccolo e, non potendosi permettere un aborto clandestino, ha deciso di gettarlo nella toilette.