1.798 CONDIVISIONI
8 Luglio 2020
21:38

Fa fumare una sigaretta alla nipotina di 3 anni, poi ride: arrestato lo zio. Il video choc

Le immagini arrivano dalla provincia di Mardin, nel sud-est della Turchia: il video caricato su Instagram ha sollevato un’ondata di indignazione in tutto il Paese. Tanto da portare all’intervento della polizia a seguito di una denuncia dei servizi sociali. Mehmet Kızılçınar è stato arrestato.
A cura di B. C.
1.798 CONDIVISIONI

Ha fatto fumare la nipotina di tre anni. Una scena inquietante ripresa e caricata sui social media; e lui alla fine è stato arrestato: accade in Turchia dove ha fatto il giro del web un filmato, postato su Instagram, che vede una bambina dall’apparente età di 3 anni seduta su un tavolo con un uomo, lo zio, che le mette una sigaretta in bocca, la accende e ride compiaciuto. L’uomo in questione è stato identificato come Mehmet Kızılçınar.

Stando a quanto si legge su Hürriyet e altri media locali, le immagini arrivano dalla provincia di Mardin, nel sud-est della Turchia: la scena ha suscitato un'ondata di indignazione collettiva, spingendo molti utenti a segnalare l'episodio. Denunciato dai servizi sociali, le squadre di polizia hanno preso provvedimenti con una denuncia penale presentata dalla Direzione provinciale della famiglia, del lavoro e dei servizi sociali di Mardin. Mehmet è stato così preso in custodia direttamente mente si trovava nella propria abitazione. Secondo quanto riporta la Cnn turca, il video incriminato sarebbe stato emulato anche in un'altra diretta video sui social.

1.798 CONDIVISIONI
Mamma e figlia di 4 anni travolte e uccise sul marciapiede: stavano andando all'asilo
Mamma e figlia di 4 anni travolte e uccise sul marciapiede: stavano andando all'asilo
Frustò il figlio di 8 anni con un cavo elettrico: arrestato il papà, dovrà scontare 3 anni di carcere
Frustò il figlio di 8 anni con un cavo elettrico: arrestato il papà, dovrà scontare 3 anni di carcere
Violentata in discoteca a Genova, la 20enne denuncia:
Violentata in discoteca a Genova, la 20enne denuncia: "Forse hanno usato droga dello stupro"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni