Era uscita di casa per partecipare ai festeggiamenti di piazza nel suo paese durante i quali avrebbe dovuto anche ballare e cantare in gruppo con altre piccole, ma la bimba di appena 6 anni non è mai più tornata indietro: è stata rapita, stuprata e infine uccisa da una ragazzino adolescente. È l'ennesima brutale storia di abusi che arriva dall'India, dove la piccola vittima è stata trovata cadavere in un campo abbandonato nel villaggio di Turkapally, nel'hinterland di Hyderabad, il capoluogo dello stato meridionale di Telangana. Dopo averla persa di vista, parenti a amici avevano anche avviato una ricerca nella zona che però si era conclusa senza esito e aveva portato i genitori a sporgere denuncia.

Le successive ricerche da parte delle forze dell'ordine purtroppo invece si sono concluse tragicamente col ritrovamento del corpicino martoriato. In poco tempo al polizia è risalita a un adolescente che qualcuno aveva visto con la bimba poco prima della sua sparizione. Il ragazzo, sotto effetto di alcol, l'avrebbe avvicinata e rapita nel primo pomeriggio portandola lontano, poi l'avrebbe violentata e infine uccisa a colpi di arma da fuoco prima di accanirsi sul cadavere. Il corpo mutilato della minore è stato ritrovato abbandonato nei cespugli. Il ragazzo nativo del distretto del Champaran Occidentale, nello statao federato del  Bihar, quindi è stato arrestato e portato in carcere.