Boom di accessi ai centri antiviolenza di Roma Capitale: +9% di chiamate rispetto ad agosto (826 donne in tutto) con 69 nuovi percorsi di fuoriuscita dalla violenza avviati, e +115% rispetto al mese di settembre 2019. Dopo un calo registrato nelle prime settimane di lockdown dove le donne, rinchiuse in casa con i compagni violenti, non riuscivano telefonare materialmente ai Cav, adesso il 1522 squilla di continuo. Nel 2020, rispetto al 2019, si è registrato in totale un aumento del 57% delle donne complessivamente in carico: più del doppio, dato che sono passate da 274 a 431.

"Il numero delle nuove donne seguite è particolarmente significativo, in quanto mostra quante hanno deciso di intraprendere un percorso di fuoriuscita dalla violenza durante e dopo il lockdown – ha dichiarato la sindaca di Roma Virginia Raggi – Abbiamo attivato un nuovo canale via WhatsApp per chi aveva più difficoltà a chiamare. Dobbiamo continuare a parlare del tema della violenza di genere e promuovere i Centri Antiviolenza, raggiungibili H24 e collegati al numero nazionale 1522″.

"Continuare a promuovere i servizi antiviolenza rappresenta, per l'Amministrazione, un impegno fondamentale – commenta la delegata della Sindaca alle Politiche di Genere Lorenza Fruci Con questo obiettivo lanceremo una campagna di comunicazione in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2020. Lo faremo in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità e con il supporto di Zètema Progetto Cultura srl. Utilizzeremo gli impianti di affissione e i canali di comunicazione di Roma Capitale selezionando un'immagine tra quelle realizzate dagli artisti della città per il bando che abbiamo appena concluso".