Covid 19
22 Dicembre 2021
7:55

Perché il Lazio passerà in zona gialla a Capodanno: ricoveri record

Il passaggio in zona gialla del Lazio è previsto per lunedì 3 gennaio 2022, stando all’attuale trend di crescita dei ricoveri ospedalieri per Covid.
A cura di Enrico Tata
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Al ritmo attuale di crescita delle ospedalizzazioni, avevamo scritto, il passaggio del Lazio in zona gialla è previsto il prossimo 10 gennaio. È molto probabile, tuttavia, che questa data verrà anticipata di una settimana: il possibile cambio di colore potrebbe diventare realtà, infatti, già a partire da lunedì 3 gennaio. Meno di una settimana fa (il 17 dicembre) i pazienti ricoverati per Covid nei reparti ordinari degli ospedali del Lazio erano 828 e adesso (dati aggiornati al 22 dicembre) sono 915: più 100, quasi, in soli cinque giorni. L'accelerazione tanto temuta nel trend dei ricoveri c'è stata: basti pensare, infatti, che nelle settimane precedenti l'aumento dei ricoveri era in media di circa 50 alla settimana. Con quel trend di crescita, i numeri per il passaggio di zona sarebbero stati raggiunti soltanto, per l'appunto, nella prima settimana di gennaio. Con il tasso di aumento attuale, però, le previsioni sono destinate a cambiare

Perché il Lazio passerà in zona gialla dopo Capodanno

Come avevamo mostrato, due parametri su tre per il cambio di colore sono stati già raggiunti e superati: il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva (di poco superiore alla soglia limite del 10 per cento) e il tasso di incidenza dei contagi ogni 100mila abitanti calcolato in sette giorni. Restava l'ultimo parametro, cioè la soglia del 15 per cento per quanto riguarda il tasso di occupazione dei posti letto nei reparti ordinari. Il 15 per cento sarà raggiunto nel Lazio con circa 960 ricoveri. Tale soglia non verrà superata, molto probabilmente, prima del prossimo monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità in programma venerdì 24 dicembre (con relativo cambio di colore per lunedì 27 dicembre), ma sarà oltrepassata (quasi sicuramente al ritmo di crescita che abbiamo menzionato in precedenza) in tempo per il monitoraggio della settimana successiva previsto per venerdì 31 gennaio, con il passaggio di zona che entrerà in vigore a partire da lunedì 3 gennaio.

L'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, ha confermato questa previsione: "Rispetto ad un anno fa la pressione sulla rete ospedaliera è molto, molto inferiore. Detto questo siamo ancora in una situazione di zona bianca ma con una evoluzione che probabilmente ci porterà a un cambio colore verso il Capodanno".

Le regole della zona gialla: cosa cambierà nel Lazio

In realtà il passaggio dalla zona bianca alla zona gialla non modificherà le regole in vigore attualmente. L'unica sostanziale differenza tra le due zone è l'obbligo, in zona gialla, di indossare la mascherina anche all'aperto. Una misura che comunque è stata già introdotta dalla Regione Lazio con un'ordinanza che entrerà in vigore il 23 dicembre. Le attività saranno consentite o vietate in base al possesso o meno del green pass e del green pass rafforzato, come previsto dal nuovo decreto del governo. Qua tutte le attività consentite o negate in base al possesso o meno della certificazione verde.

Le soglie e le regole della zona arancione

Per il passaggio in zona arancione queste sono le soglie critiche fissate dal governo: 20 per cento di posti letto occupati in terapia intensiva e 30 per cento nei reparti ordinari.

In zona arancione senza green pass gli spostamenti verso altri comuni o altre regioni saranno consentiti soltanto per casi di lavoro, di salute o necessità. Per utilizzare gli impianti sciistici servirà necessariamente il green pass rafforzato, come servirà obbligatoriamente per l'accesso nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi. Per consumare al banco e all'aperto nei bar e nei ristoranti servirà il green pass rafforzato. Stesso discorso per palestre, piscine e musei.

31043 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni