1.716 CONDIVISIONI
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro
11 Settembre 2020
10:19

Omicidio Willy Monteiro, i fratelli Bianchi erano già indagati per spaccio, rissa e minacce

I fratelli Marco e Gabriele Bianchi non sono accusati soltanto dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte. La procura di Velletri, infatti, aveva già messo nel mirino i due ragazzi di Artena e prima del pestaggio del ragazzo i pm avevano aperto cinque fascicoli di indagine per Marco e tre per Gabriele.
A cura di Enrico Tata
1.716 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro

Spaccio di stupefacenti, lesioni, rissa e porto di oggetti atti ad offendere, per uno. Spaccio, rissa e minacce, per l'altro. I fratelli Marco e Gabriele Bianchi non sono accusati soltanto dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte. La procura di Velletri, infatti, aveva già messo nel mirino i due ragazzi di Artena e prima del pestaggio a morte del ragazzo i pm avevano aperto cinque fascicoli di indagine per Marco e tre per Gabriele. Anche per questo il gip del tribunale di Velletri ha confermato per loro la misura cautelare del carcere e nell'ordinanza con cui l'ha disposta non ha escluso che il capo di accusa possa essere aggravato al termine delle indagini. Per ora, infatti, i due fratelli sono accusati dai pm di omicidio preterintenzionale: volevano far male, ma non volevano uccidere Willy. A breve l'accusa potrebbe però aggravarsi in omicidio volontario: hanno preso a pugni e calci il 21enne con l'obiettivo di ucciderlo.

L'ordinanza del gip: "Hanno mostrato manifesta incapacità di resistere a impulsi violenti"

A pesare sulla decisione del giudice è stata anche la "personalità manifestata dai due fratelli Bianchi". Secondo il gip, infatti, nel corso dell'interrogatorio i due avrebbero "minimizzato il fatto assegnandolo alla responsabilità di terzi". La custodia cautelare in carcere, è la conclusione dell'ordinanza, "è l'unica in grado di porre concreto ed effettivo argine al pericolo di reiterazione di condotte violente quali quella per cui si procede". I tre, i due fratelli Bianchi e Pincarelli,  avrebbero mostrato una "manifesta incapacità di resistere agli impulsi violenti" e non sono stati "frenati neppure dalla presenza di numerosi testimoni e dalla breve distanza che separava il luogo dell'aggressione dalla caserma dei carabinieri".

Confermata anche l'aggravante dei futili motivi, "quantomeno per i due Bianchi", scrive il gip, in virtù dell'"assenza di alcuna plausibile ragione a motivo dell'aggressione realizzata nei confronti di una persona che non ‘c'entrava nulla' ed era stata violentemente è ripetutamente colpita solo in quanto si era trovata nella ressa".

Un testimone: "Dirò la verità sui Bianchi"

Un ragazzo ha pubblicato e poi cancellato un post su Facebook in cui sosteneva di essere in grado di raccontare "la verità" sui fratelli Bianchi, discolpandoli e tirando in ballo Francesco Belleggia e Mario Pincarelli, le altre due persone raggiunte dalla misura cautelare. Questa testimonianza è una di quelle segnalate alla procura di Velletri dagli avvocati dei Bianchi.

1.716 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni