2.564 CONDIVISIONI
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro
8 Agosto 2022
11:01

Omicidio Willy, l’amico dei fratelli Bianchi: “È stata una rissa di paese, non sapete come funziona”

L’amico dei fratelli Bianchi, Omar Shabani, racconta la sua versione di quanto accaduto la notte dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte. E punta il dito contro Belleggia e Pincarelli.
A cura di Natascia Grbic
2.564 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro

"Quella fu una rissa di paese. Voi non lo sapete come funziona nelle piazze di paese. Ci si scontra, si fa anche a botte, purtroppo è così". A parlare, in un'intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, è Omar Shabani, l'amico dei fratelli Bianchi che si trovava con loro la sera dell'omicidio di Willy Monteiro Duarte. Il 26enne si trova agli arresti domiciliari per l'accusa di associazione a delinquere e spaccio di stupefacenti, reati per cui sono stati condannati anche i fratelli Bianchi.

Shabani ha assistito al pestaggio di Willy Monteiro Duarte. Insieme all'amico Vittorio Tondinelli, anche lui presente quella sera, ha sempre puntato il dito contro Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Sarebbero stati loro, hanno dichiarato in aula, a dare al 21enne di Paliano il colpo che lo ha ucciso. Ma le loro dichiarazioni sono giudicate poco attendibili: proprio Shabani è stato intercettato mentre diceva a un amico "I carabinieri sanno che ci siamo messi d'accordo".

"Ho detto al processo quello che avevo visto ma non sono stato ascoltato, altrimenti all’ergastolo ci sarebbero anche Pincarelli e Belleggia", continua il 26enne. Che asserisce poi di non essersi reso conto della gravità della situazione e di non aver pensato che Willy stesse morendo. "Noi non c’eravamo resi conto che il ragazzo fosse morto. Uno esclude a priori la possibilità della morte e noi non potevamo immaginarla in quel momento".

Le risse erano una costante per il gruppetto capeggiato dai fratelli Bianchi. Secondo quanto emerso dalle indagini e dai racconti di vari testimoni, non era raro che decidessero di pestare qualcuno per uno sguardo di troppo o solo per un capriccio. Un modo per affermare il loro potere, per mostrare la potenza del branco e mantenere ‘alta' la loro nomea di picchiatori. La notte tra il 5 e il 6 settembre è stato Willy Monteiro Duarte a essere stato preso di mira. Il ragazzo è morto, e i fratelli Bianchi sono finiti in carcere, condannati in primo grado all'ergastolo per quell'omicidio.

2.564 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni